CASA MONTECCHI / CANCELLIERI
disegnoL'edificio di via Santa Maria Maggiore, n. 2 (demolito nel 1938) appartenne a una delle più cospicue famiglie patrizie triestine, i Montecchi, più comunemente noti come Cancellieri, dalla carica ricoperta ripetutamente dai suoi membri.

Iscrizione relativa alla costruzione di casa Montecchi / Cancellieri
inv. 13663

Architrave in calcare collocata sulla facciata della casa Montecchi di via S. Maria Maggiore, n. 2. 1438.

architrave

S(er) Petri d(e) Mo(n)ticulis d(e) Saxolo.

p(Casa) di ser Pietro Montecchi di Sassuolo.p

Iscrizione sul pozzo di casa Montecchi / Cancellieri
inv. 13664

Parapetto di pozzo rettangolare in calcare con bordo superiore piuttosto consumato. Il pozzo era costituito da una nicchia sulla facciata della casa con architrave recante il nome del proprietario. Il parapetto viene dalla casa Montecchi di via S. Maria Maggiore, n. 2.
1448.

iscrizione

1448
18 A(u)gusti
f(ecit).

(Pietro Montecchi) fece il 18 agosto del 1448.

Iscrizioni sulla porta di casa Montecchi / Cancellieri.
inv. 13717, 13707
Complessa cornice di porta è costituita da due elementi lapidei, un arco ribassato e modanato sovrapposto a una cornice rettangolare anch'essa modanata. La cornice di porta fu recuperata dalla casa Montecchi di via S. Maria Maggiore, n. 2.

portone disegno

Rotat omne fatum.
(scritta crittografica)
Ann(o) ab urb(e) cond(ita) II mill(esimo)(ducentesimo?) LXIII salut(is) M CCCC(XC?)VIII
iun(cti) Joan(nnes) Baptista et Petr(us) Christo(ph)ori Cancellarii filii avitae fabr(icae) addider(unt)
5 sibi suisq(ue) legitimis haeredib(us) ad commun(em) usum erexerunt.

Il destino distrugge ogni cosa.
Nell'anno della fondazione della città 2263, nell'anno della salute 1498 di perfetto accordo Giovanni Battista e Pietro, figli del cancelliere Cristoforo, ampliarono la casa avita e la eressero per sé e per i loro legittimi eredi ad uso comune.