LA LOGGIA DEL PALAZZO MUNICIPALE
Iscrizione commemorante la venuta e l'opera di Leopoldo I
inv. 13716

Lastra rettangolare in marmo con ricca cornice a volute vegetali un tempo collocata nella loggia del Palazzo Municipale.
1660

targa

Hanc venit Caesar Leopoldus Primus in urbem
iuraque firmavit iure vetusta novo
anno 1660 die 25 Septembris.

Nel 1660, il 25 settembre, Lepoldo I venne in questa città e con nuove leggi rafforzò le antiche.

Iscrizione onoraria per Pompeo Brigido in occasione dei riconoscimenti ottenuti dal fratello Michele Brigido
inv. 13727

Lastra in marmo decorata da cornici e ghirlande e foglie di palma che decorano la parte superiore un tempo murata nella loggia del Palazzo Municipale. 1788

lasta

Pompeo Comiti a Brigido
imperatoris Aug(usti) a consiliis intimis et a cubiculis 
Tergesti Goritiae Gradiscae
praesidi optimo
quod fratrem eius carissimum
Michaelem e lib(eris) baronibus de Brigido 
virum ob pietatem in superos et singularem animi candorem
deo et hominibus gratum
Iosephus II Aug(ustus)
S(acri) R(omani) Imperii principem et I archiepiscopum Labacensem
nominaverit cives Tergestini applaudentes 
lapidem hunc comunis laetitiae testem 
poni curavere 
MDCCLXXXVIII.

Al conte Pompeo Brigido, consigliere fidato e camerlengo dell'imperatore Augusto, ottimo governatore di Trieste, Gorizia e Gradisca, dal momento che Giuseppe II Augusto nominò principe del Sacro Romano Impero e primo vescovo di Lubiana il suo carissimo fratello Michele, dei figli dei Baroni de Brigido, uomo gradito a Dio e agli uomini per il rispetto verso il Signore e per la singolare purezza dell'animo, i cittadini di Trieste compartecipi curarono che fosse collocata questa lapide, testimonio della comune letizia nell'anno 1788.