Rete civica di Trieste   procedimenti

Logo del comune di Trieste

Comune di Trieste
Ufficio Relazioni con il Pubblico
piazza Unità d'Italia, 4

Stampa stampa

  Adulti - Emigrati rimpatriati - sovvenzione
Evento della vita
Informazioni generali Il cittadino rimpatriato dopo una permanenza all'estero non inferiore a 5 anni che ha fatto definitivo ritorno in Regione da non più di 2 anni, può rivolgersi all'Unità Operativa Territoriale della zona in cui abita per chiedere una sovvenzione economica.
L'assistente sociale accerta lo stato di bisogno della persona, e trasmette la richiesta, convalidata dal coordinatore, agli Uffici centrali (via Mazzini 25).
In caso di accoglimento della richiesta, il contributo viene corrisposto solo dopo la comunicazione di copertura finanziaria da parte della Regione (art. 7 DPGR 10/08/07 n. 0248/Pres)

Requisiti richiesti a) cittadini italiani emigrati dal Friuli Venezia Giulia; b) cittadini italiani emigrati, già residenti negli ex territori italiani passati alla Repubblica socialista federativa di Jugoslavia in forza del trattato di pace del 1947 e degli accordi di Osimo ratificati dalla legge 14 marzo 1977 n. 73 (Ratifica ed esecuzione del trattato tra la Repubblica italiana e la Repubblica socialista federativa di Jugoslavia, con allegati, nonché dell’accordo tra le stesse Parti, con allegati, dell’atto finale e dello scambio di note, firmati a Osimo (Ancona) il 10 novembre 1975); c) familiari e discendenti dei corregionali di cui alle lettere a) e b), stabilmente residenti all’estero. Per l’accesso ai contributi è condizione che la permanenza nei Paesi di emigrazione si sia protratta per un periodo non inferiore complessivamente a cinque anni e che il definitivo rientro in regione dai Paesi stessi sia avvenuto da non più di due anni.
Documenti da presentare quelli richiesti dall'Assistente Sociale
Entro quale termine entro due anni dalla data del rimpatrio definitivo
Dove andare indirizzi Unità Operative Territoriali vedi allegato
A chi rivolgersi Unità Operativa Territoriale vedi allegato
In quale orario vedi allegato
Telefono vedi allegato
Casella di posta elettronica cui presentare l'istanza (per i procedimenti a istanza di parte)
Tempi massimi di conclusione
Per attività dell'Amministrazione Comunale 90 giorni
Per attività di altri enti competenti 90 giorni
Tempo complessivo per la definizione del procedimento 180 giorni
Normativa di riferimento L.R. 7/02 - Regolamento DPGR 10/08/07 n. 0248/Pres.
Responsabile del procedimento Il Direttore di Servizio dott. Luigi Leonardi
Responsabile dell'istruttoria Francesca Clozza
Responsabile dell'adozione del provvedimento finale (se diverso)
Telefono 040 6758387
Struttura competente Servizi e Politiche Sociali, Servizio Strutture e Interventi per: Disabilità, Casa, Inserimento Lavorativo, Accoglienza, -
Possibilità di concludere il procedimento con il silenzio-assenso dell'amministrazione o possibilità di sostituire il provvedimento con una dichiarazione
Eventuali link per i servizi on-line
Modalità per effettuare i pagamenti a favore del Comune
Soggetto cui è attribuito il potere sostitutivo cui rivolgersi in caso di inerzia Direttore del Servizio dott. Luigi Leonardi
Modalità per attivare tale potere Istanza scritta e motivata con cui si segnala l'inerzia utilizzando il modulo in allegato
Telefono del soggetto che detiene il potere sostitutivo 040-6758387
Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale, a favore degli interessati, nel corso del procedimento, nei confronti del provvedimento finale o nei casi di adozione oltre il termine di conclusione e i modi per attivarli
Eventuali risultati delle indagini di customer satisfaction condotte sulla qualità dei servizi erogati
Note: Il procedimento è stato creato / modificato l'ultima volta il 19/9/2017 alle ore 10:15
Documenti
scaricabili
 
Documenti condivisi Unità Operative Territoriali    allegato_UOT.pdf
 
[ torna al pannello di ricerca ]    [ torna all'elenco dei procedimenti ]
distanziatore
Stampa