Rete civica di Trieste   procedimenti

Logo del comune di Trieste

Comune di Trieste
Ufficio Relazioni con il Pubblico
piazza Unità d'Italia, 4

Stampa stampa

  Procedura Abilitativa Semplificata (PAS) ai sensi dell'art. 6 del D.Lgs. 3/3/2011 n. 28 per l'attività di costruzione ed esercizio di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili
Evento della vita Salvaguardare l'ambiente
Informazioni generali La Procedura Abilitativa Semplificata (PAS) è stata introdotta dagli art. 4, comma 2, lettera b) e art. 6 del D.Lgs. 3.3.2011, n. 28 e successivamente richiamata dalla L.R. 19/2012 “Norme in materia di energia e distribuzioni dei carburanti” all'art. 16 comma 4. La PAS costituisce la nuova forma di titolo abilitativo per l' attivita' di costruzione ed esercizio di impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili di potenza fino a 1 MW da realizzare nel territorio comunale aventi le caratteristiche di cui alla Tabella di riepilogo dell'Allegato B alla L.R.19/2012 nel seguito riportata e va a sostituire, a tutti gli effetti di legge, la precedente procedura di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), come già previsto ai punti 11 e 12 delle “Linee Guida nazionali per lo svolgimento del procedimento di autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili” approvate con l’Allegato al D.M.10.09.2010

La Procedura Abilitativa Semplificata (PAS), va presentata al Comune mediante mezzo cartaceo o in via telematica almeno trenta giorni prima dell'inizio dei lavori da parte del proprietario dell'immobile o da chi abbia disponibilità sull'immobile interessato all'impianto e dalle opere connesse e costituisce comunicazione di avvio del procedimento.

Ai sensi dell'art.6 del D.Lgs. n. 28 del 3.3.2011 alla PAS vanno allegati:

-Relazione tecnica dettagliata (relazione asseverata) a firma di un progettista abilitato con la quale lo stesso attesti la compatibilità del progetto con gli strumenti urbanistici approvati e i regolamenti edilizi vigenti e la non contrarietà agli strumenti urbanistici adottati, nonché il rispetto delle norme di sicurezza e di quelle igienico-sanitarie;
-Elaborati grafici necessari ad illustrare l'intervento da realizzare;
-Elaborati tecnici specifici per la connessione alla rete elettrica redatti dal gestore della rete stessa;
-Atti di assenso, pareri, autorizzazioni, (qualora necessari) con particolare riguardo ai procedimenti riguardanti quelli individuati dall'art. 20, comma 4, della L. 7.8.1990 n. 241 e s.m.i. per i quali non vige l'istituto del silenzio-assenso. Qualora detti atti di assenso non siano stati allegati alla PAS dall’interessato, occorrerà unire alla PAS tutti gli elaborati tecnici richiesti dalle norme di settore per l'ottenimento degli stessi atti di assenso dal Comune medesimo che provvederà ad acquisirli d'ufficio (se di competenza comunale) oppure tramite convocazione della Conferenza dei Servizi se di competenza di amministrazioni diverse da quella comunale ai sensi della L.241/90 e s.m.i.
-Autocertificazione ai sensi dell’art. 19 della L. 241/90 e s.m.i. attestante il possesso agli atti della società richiedente della seguente documentazione:
-Procura Generale/Speciale o altro titolo di legittimazione
-Titolo attestante la proprietà dell’impianto
-Titolo attestante la proprietà o il contratto di locazione dell’area e/o dell’immobile dov’è sito l’impianto
-Dati dell’impresa appaltatrice, dati del Progettista e del Direttore dei Lavori, requisiti di idoneità tecnico-professionale dell’impresa, copia della notifica preliminare di cantiere ai sensi dell’art. 89 del D.Lgs. 81/2008.
-Ricevuta del versamento della tariffa dei servizi pubblici a domanda individuale pari ad Euro 159,20 sul c/c n. 16315343 intestato a Comune di Trieste - Area Città Territorio e Ambiente - Servizio Tesoreria, con la causale: Servizio Ambiente ed Energia CE 06001 CAP 736.
-Copia fotostatica non autenticata di un documento di identità, in corso di validità, del sottoscrittore.

Note:

Qualora, entro il suddetto termine di trenta giorni per il perfezionamento della PAS (decorrente dalla data di presentazione della PAS stessa al protocollo dell’Ente), sia riscontrata dagli uffici comunali l'assenza di una o più delle condizioni stabilite dall’art. 6, comma 2, del D.Lgs. n. 28/2011, il Comune notificherà all'interessato i motivi ostativi alla formazione del tacito assenso ai sensi dell’art. 10-bis della legge n. 241/1990 e ss.mm.ii., eventualmente richiedendo l’integrazione della documentazione già presentata in allegato alla PAS, da doversi trasmettere entro il termine di 10 giorni dal ricevimento della richiesta (in tal caso, s'interrompe il termine di trenta giorni per la conclusione del procedimento da parte del Comune che riprende dalla data di presentazione della documentazione).

In caso di conformità della PAS alle condizioni stabilite dall’art. 6, comma 2, del D.Lgs. n. 28/2011, vige l'istituto del silenzio-assenso allo scadere del termine dei 30 gg.

La realizzazione dell'intervento deve essere completata entro tre anni dal perfezionamento della PAS secondo quanto sopra specificato.

L'interessato è comunque tenuto a comunicare al Comune la data di ultimazione dei lavori (vedi il Mod.fine lavori) e, conseguentemente, a trasmettere un certificato di collaudo finale delle opere eseguite (vedi il Mod.collaudo) , rilasciato da un tecnico abilitato, che attesti la conformità dell'opera al progetto presentato con la dichiarazione di PAS nonché l’eventuale ricevuta dell'avvenuta variazione catastale conseguente alle opere realizzate oppure dichiarazione che le stesse non hanno comportato modificazioni del classamento catastale [dichiarazione da riportare sempre sul citato certificato di collaudo finale delle opere eseguite (vedi Mod.collaudo).

Qualora le opere oggetto di PAS non siano state concluse nel suddetto termine di tre anni, la realizzazione della parte non ultimata dell'intervento è subordinata alla presentazione al Comune di una nuova dichiarazione di PAS, alla quale si dovrà allegare la documentazione in precedenza elencata, concernente la parte non ultimata.

L'art. 44, commi 2, 3 e 4, del D.Lgs. n. 28/2011 (a cui si rimanda) stabilisce le sanzioni amministrative in materia di autorizzazione alla costruzione e all'esercizio degli impianti in parola, da applicare ai diversi soggetti interessati, nel caso di interventi eseguiti in assenza di PAS o in difformità da quanto nella stessa dichiarato o in caso di violazione di una o più delle prescrizioni stabilite con gli atti di assenso che accompagnano la PAS.
Requisiti richiesti La PAS può essere presentata dal proprietario dell'immobile o da chi ne abbia la disponibilità.
Documenti da presentare modulo PAS con relativi allegati (v. documenti scaricabili a fondo pagina)
Entro quale termine /
Dove andare Passo Costanzi, 2 – Trieste
A chi rivolgersi Sig.ra Spallino Annamaria ; P.I Francesco Demarch; Ing. Ettore Durante
In quale orario Si riceve per appuntamento
Telefono 040.675.8341 Sig.ra Spallino Annamaria - P.I Francesco Demarch 040.675.4406 - Ing. Ettore Durante 040.675.8061
Casella di posta elettronica cui presentare l'istanza (per i procedimenti a istanza di parte) comune.trieste@certgov.fvg.it
Tempi massimi di conclusione
Per attività dell'Amministrazione Comunale 30 giorni
Per attività di altri enti competenti 0 giorni
Tempo complessivo per la definizione del procedimento 140 giorni
Normativa di riferimento D.Lgs 28/2011; L.R. 19/2012; L. 7/8/1990 n° 241 e loro s.m.i.
Responsabile del procedimento per. ind. Francesco Demarch
Responsabile dell'istruttoria sig.ra Annamaria Spallino
Responsabile dell'adozione del provvedimento finale (se diverso) ing. Gianfranco Caputi
Telefono 040/6754406
Struttura competente Città, Territorio e Ambiente, Ambiente ed Energia, -
Possibilità di concludere il procedimento con il silenzio-assenso dell'amministrazione o possibilità di sostituire il provvedimento con una dichiarazione previsto dall'art.6, comma 4, del D.Lgs. 28/2011
Eventuali link per i servizi on-line
Modalità per effettuare i pagamenti a favore del Comune Modalità di pagamento indicate nell'allegato a fondo pagina (bollettino di conto corrente postale, banco posta on-line, bonifico bancario)
Soggetto cui è attribuito il potere sostitutivo cui rivolgersi in caso di inerzia Direttore del Servizio - ing. Gianfranco Caputi
Modalità per attivare tale potere Istanza scritta e motivata con cui si segnala l'inerzia utilizzando il modulo in allegato
Telefono del soggetto che detiene il potere sostitutivo 040 6754276
Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale, a favore degli interessati, nel corso del procedimento, nei confronti del provvedimento finale o nei casi di adozione oltre il termine di conclusione e i modi per attivarli nel caso di rilascio di Autorizzazione Unica ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dalla data di notifica dell'atto od in alternativa ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni a decorrere dal medesimo termine
Eventuali risultati delle indagini di customer satisfaction condotte sulla qualità dei servizi erogati
Note: Il procedimento è stato creato / modificato l'ultima volta il 2/6/2017 alle ore 10:23
Documenti
scaricabili
    1631_modalità pagamento PAS.pdf
    1631_All B.pdf
    1631_modello PAS.doc
    1631_Comunicazione_fine lavori_PAS.doc
    1631_Certificato collaudo PAS.doc
 
[ torna al pannello di ricerca ]    [ torna all'elenco dei procedimenti ]
distanziatore
Stampa