Rete civica di Trieste   procedimenti

Logo del comune di Trieste

Comune di Trieste
Ufficio Relazioni con il Pubblico
piazza Unità d'Italia, 4

Stampa stampa

  Sanzioni amministrative per violazione del Regolamento comunale sul controllo di efficienza energetica e lo stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici
Evento della vita Abitare
Informazioni generali Il Comune di Trieste ha affidato alla Società Esatto S.p.A. con Convenzione Rep. 86926 dd. 22.12.2011 l’attività di controllo di efficienza energetica e dello stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici sul territorio comunale. Se nel corso dell’attività di ispezione da parte dei tecnici incaricati dalla Società Esatto S.p.A. viene accertata l’omissione delle operazioni di controllo e manutenzione dell’impianto termico, la violazione per non aver provveduto a far eseguire le operazioni di controllo e manutenzione previste dall’art. 7 del D.Lgs. 192/2005 e s.m.i. come previsto dall’art. 3 del Regolamento comunale viene contestata al responsabile dell’impianto. Il verbale di accertamento e contestazione della violazione viene formalizzato con la notifica al trasgressore - dopo che aver ricevuto la segnalazione di violazione da parte del verificatore di Esatto S.p.A. - con l’indicazione della violazione contestata, della somma da corrispondere a titolo di sanzione e delle modalità previste per presentare scritti e memorie difensive dagli Uffici dell’Area Città e Territorio – Servizio Ambiente ed Energia – Posizione Organizzativa Energia e Impianti del Comune di Trieste, competente ai sensi del Regolamento. Il trasgressore che non abbia presentato scritti difensivi o che abbia presentato scritti difensivi non ritenuti legittimi e che non abbia corrisposto la sanzione decorsi 30 giorni si vedrà notificata l’ordinanza di ingiunzione e pagamento con la somma da corrispondere.Avverso l’ordinanza di ingiunzione e pagamento è ammesso ricorso al Giudice di Pace (come specificato in seguito)
Requisiti richiesti /
Documenti da presentare /
Entro quale termine /
Dove andare Passo Costanzi, 2 – Trieste
A chi rivolgersi per. ind. Francesco Demarch
In quale orario Fascia oraria concordata previa telefonata o inviando una richiesta mail all’indirizzo francesco.demarch@comune.trieste.it
Telefono 040 6754406
Casella di posta elettronica cui presentare l'istanza (per i procedimenti a istanza di parte)
Tempi massimi di conclusione
Per attività dell'Amministrazione Comunale 90 giorni
Per attività di altri enti competenti 0 giorni
Tempo complessivo per la definizione del procedimento 90 giorni
Normativa di riferimento L. 689/81 D.Lgs. 507/99
Responsabile del procedimento per. ind. Francesco Demarch
Responsabile dell'istruttoria per. ind. Francesco Demarch
Responsabile dell'adozione del provvedimento finale (se diverso) ing. Gianfranco Caputi
Telefono 040 6754406
Struttura competente Città e Territorio, Ambiente ed Energia, -
Possibilità di concludere il procedimento con il silenzio-assenso dell'amministrazione o possibilità di sostituire il provvedimento con una dichiarazione Il procedimento si conclude sempre con un ordinanza motivata che può essere di ingiunzione e pagamento oppure ordinanza di archiviazione (se non si ritiene fondato l’accertamento).
Eventuali link per i servizi on-line
Modalità per effettuare i pagamenti a favore del Comune Conto di Tesoreria identificativo n. 80001 (Codice di identificazione bancaria: UNCRIT2B0PA) – presso tutte le agenzie Unicredit Banca S.p.A. o tramite bonifico bancario – Codice IBAN: IT44S0200802230000001170836 indicando la causale “sanzione regolamento impianti termici”
Soggetto cui è attribuito il potere sostitutivo cui rivolgersi in caso di inerzia Direttore del Servizio - ing. Gianfranco Caputi
Modalità per attivare tale potere Istanza scritta e motivata con cui si segnala l'inerzia utilizzando il modulo in allegato
Telefono del soggetto che detiene il potere sostitutivo 040 6754276
Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale, a favore degli interessati, nel corso del procedimento, nei confronti del provvedimento finale o nei casi di adozione oltre il termine di conclusione e i modi per attivarli Nel corso del procedimento: entro il termine di 30 (trenta) giorni dalla data di notifica del verbale di accertamento e contestazione gli interessati, in qualità di trasgressore o di obbligato in solido, qualora non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta, possono presentare scritti difensivi. La presentazione di scritti difensivi è in esenzione di bollo. Nei confronti del provvedimento finale: avverso l’ordinanza ingiunzione di pagamento gli interessati possono proporre opposizione davanti al Giudice di Pace, entro 30 (trenta) giorni dalla notificazione della stessa, mediante deposito in cancelleria. Il giudizio di opposizione è regolato dalle norme della Legge 24 novembre 1981, n. 689 e successive modificazioni ed integrazioni e del Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507 e successive modificazioni ed integrazioni.
Eventuali risultati delle indagini di customer satisfaction condotte sulla qualità dei servizi erogati
Note: Il procedimento è stato creato / modificato l'ultima volta il 12/6/2016 alle ore 13:21
Documenti
scaricabili
    1472_214.02072007100749.regolamento.pdf
 
[ torna al pannello di ricerca ]    [ torna all'elenco dei procedimenti ]
distanziatore
Stampa