Retecivica del Comune di Trieste
 canale youtube del Comune di Trieste  facebook del Comune di Trieste  twitter del Comune di Trieste indirizzi e contatti  pec  RSS
home  in comune  organi istituzionali  comunicati stampa  urp  centri civici  amministrazione trasparente  come faccio per 

Alpi Giulie Cinema 2017
foto

Dopo i tre appuntamenti al Teatro Miela la XXVII edizione della Rassegna  Internazionale di Cinema di Montagna ALPI GIULIE CINEMA organizzata da Monte Analogo si trasferisce nell’accogliente salotto di ritrovo culturale bar libreria Knulp, in via Madonna del Mare 7/a, sempre a Trieste.
La profonda crisi economica che stiamo vivendo ci ha costretti a rivedere molte nostre convinzioni e modi di vivere, facendo scoprire a molti possibili alternative anche tra le Terre Alte. E’ questa la linea guida della seconda parte della Rassegna, unita al grande problema di strettissima e urgente attualità: quello delle migrazioni alle quali stiamo assistendo e con le quali, volenti o meno, dovremo convivere.
Quattro giovedì di marzo con otto produzioni ed il Premio La Scabiosa Trenta (giunto alla ventitreesima edizione) è in sintesi la straordinaria e originale offerta di emozioni proposta nel mese di marzo, come sempre con proiezioni sia pomeridiane che serali.


Si inizierà il 2 marzo alle ore 18.00 con LIMITES (Francia – Italia 5’). La routine soffocante di una metropoli ai piedi delle Alpi spinge una giovane ragazza a immaginare e a idealizzare una vita alternativa sulle montagne. Decide quindi di mettersi in cammino, nell’intento di realizzare il suo sogno. Ma l’immagine di una natura unicamente benevole e idilliaca non corrisponde a una realtà in cui la montagna si rivela un ambiente abbandonato dagli uomini e alla mercé degli elementi.
Seguirà LA MONTAGNE MAGIQUE (Francia/Polonia/Romania – 85') sottotitoli italiano. La biografia di Adam Jacek Winkler si dispiega lungo quasi metà Novecento: rifugiato polacco a Parigi, Adam è fotografo, alpinista e militante politico. La sua vita è un continuo tentativo di superare ogni limite, animato dal desiderio bruciante di dare un significativo contributo alla trasformazione del mondo. La sua vita avventurosa prende improvvisamente una piega inaspettata nel corso degli anni ottanta, quando decide di trasformarsi in un cavalliere del ventesimo secolo e,
abbandonata la Francia, armato di coraggio e passione, parte per combattere a fianco delle truppe di Massoud contro l'Unione Sovietica sulle montagne dell'Afghanistan. Attraverso l'utilizzo di un numero strabiliante di tecniche di animazione, la vita di Adam viene rappresentata come un incantevole e ipnotico caleidoscopio di una persona che ha saputo fondere la ricerca della libertà con la febbre dell'avventura. Premio "Genziana d’oro" miglior film Trento Film Festival 2016.
Alle ore 20.30 invece verrà proposto ALTA SCUOLA (Italia – 72’). Nel comune di Peio, a 1600 metri di altitudine, la scuola elementare pluriclasse è stata soppressa a favore di un moderno plesso scolastico nel fondovalle, che raccoglie i bambini di diversi paesi. Alcune famiglie hanno quindi deciso di optare per l’istruzione parentale, prevista dalla Costituzione Italiana, dando vita a Scuola Peio Viva. Al piano terra di una casa privata i genitori e alcuni insegnanti volontari fanno scuola assieme a nove bambini, dalla prima alla quinta classe. In questa scuola non si danno
voti.


Giovedì 9 marzo alle ore 18.00 appuntamento con tre produzioni:
EXTRAORDINARY PEOPLE (Turchia – 45') sottotitoli italiano. Immersi nelle profonde vallate che attraversano le regioni orientali del Mar Nero, un gruppo di persone fuori dall’ordinario porta avanti una serie di progetti che vanno dalla costruzione di teleferiche a impatto zero alla costruzione di eremi abbarbicati sul ciglio di un precipizio. Ad accomunare tutte queste figure è un bagaglio condiviso di tradizioni che proseguono  incessantemente nel corso degli anni.
LIFELINES (Regno Unito - 16’) sottotitoli italiano. Dopo essere partito dal suo piccolo villaggio sull’Himalaya indiano a 2500 metri di altitudine per cercare fortuna a Dehli, Makar Singh si trova presto costretto a farvi ritorno per aiutare la sua famiglia in seguito alla morte improvvisa di suo padre. Ma questo cambio di programmi sarà per Makar l’occasione per organizzare una lotta per migliorare le condizioni di vita e per l’emancipazione della propria piccola comunità attraverso la creazione di infrastrutture e l’accesso alle telecomunicazioni.
LA CATENA (Italia – 18’). In Val Badia, alle pendici delle Dolomiti, Tobias gestisce insieme alla sua famiglia un maso a 1.500 metri di altitudine. In questo microcosmo tutti gli aspetti della loro vita quotidiana trovano il loro posto e il loro ritmo. Giorno dopo giorno, un anno dopo anno, le stesse azioni si ripetono e i destini di uomo e animale, come gli anelli di una catena, si intrecciano indissolubilmente in una filiera che inizia con la nascita dell’animale e prosegue con la macellazione fino ad arrivare sulla tavola attorno a cui la famiglia si riunisce.
Alle ore 20.30 invece verrà proposto Z'BARG (Germania/Svizzera – 85') sottotitoli italiano. Sarah e Sämi decidono di realizzare un sogno che covano da tempo: prendere in gestione una malga in montagna e trascorrervi l’estate in compagnia di vacche, capre, maiali e alcune galline. Ma quel che all’inizio sembrava un progetto carico di avventure, presto si trasforma in un impegno gravoso e totalizzante, che gli costringe a fare i conti ora con la testardaggine con le vacche, ora con la muffa dei formaggi, ma soprattutto, con una cronica mancanza di sonno. La loro relazione verrà messa alla prova dalla dura realtà che si nasconde dietro il sogno romantico della montagna.


Il 16 marzo due proiezioni:
Alle ore 18.00 THE LAND BETWEEN (Marocco/Australia – 78’) sottotitoli italiano. Il  film offre uno sguardo intimo nella vita nascosta dei migranti dell’Africa subsahariana che vivono nelle montagne del nord del Marocco. Il loro sogno è quello di entrare in Europa saltando la barriera di Miella, enclave spagnola. Il film documenta la quotidianità di questi migranti intrappolati in un limbo, così come la violenza e i maltrattamenti che si trovano ad affrontare, da parte delle autorità marocchine e spagnole.
Alle ore 20.30 invece LEAVING GREECE (Germania – 79’) sottotitoli italiano. Per gran parte dei rifugiati l'Egeo è la porta verso l'Europa. Ciò cosa significa per la Grecia? Ogni aspetto del suo sistema di asilo politico è sovraccarico. Nessuno è autorizzato a rimanere in Grecia, ma le autorità sono severe con chi tenta di uscire. Il film racconta la storia di tre rifugiati afgani, Hossein, Reza e Kakà. Un film sull'amicizia e sulle contraddizioni della politica europea sui rifugiati.
La giornata rientra nelle attività di formazione dei volontari di ARCI Servizio Civile che collabora anche nell’organizzazione di tutta la rassegna.
 

Giovedì 23 marzo ultima giornata della XXVII rassegna internazionale di cinema di montagna ALPI GIULIE CINEMA con, a partire dalle ore 18.00, le proiezioni dei film selezionati per il XXIII Premio “La Scabiosa Trenta”. Il Premio, riservato alle produzioni cinematografiche di autori originari delle regioni alpine del Friuli Venezia Giulia, Slovenia e Carinzia dedicate alla montagna (sport, cultura e ambiente) verrà consegnato alle ore 20.30 dalla giuria, formata da autorevoli operatori nel campo della comunicazione, della cultura ed esperti della montagna. Quest’anno la giuria
era formata da: Carlo Sclauzetto (fotografo), Vanja Sossou (giornalista), Matteo Sione (istruttore FASI). Il nome del premio richiama il fiore alpino immaginario cercato per una vita dal grande pioniere delle Alpi Giulie, Julius Kugy. Un artista scelto nell'ambito regionale interpreta questo fiore che costituisce il principale riconoscimento del concorso. "La Scabiosa Trenta" 2017 è stata creata da Sebastiano Calzi, giovane della minoranza slovena residente sul carso triestino, che percorrendo la strada dell’artigianato come scalpellino ha scoperto la sua vena artistica abbinando materiali come il legno con la pietra e il ferro.

Alpi Giulie Cinema 2017 è organizzata dall’Associazione Monte Analogo, in collaborazione con ARCI Servizio Civile, Società Alpina delle Giulie-Sezione di Trieste del CAI, Commissione Grotte Eugenio Boegan, Associazione Mano Aperta, Cooperativa Bonawentura, BarLibreria Knulp e si tiene con il patrocinio del Comune di Trieste e della Regione Friuli Venezia Giulia

www.monteanalogo.net