Retecivica del Comune di Trieste
 canale youtube del Comune di Trieste  facebook del Comune di Trieste  twitter del Comune di Trieste indirizzi e contatti  pec  RSS
home  in comune  organi istituzionali  comunicati stampa  urp  centri civici  amministrazione trasparente  come faccio per 

Omaggio a Giorgio Cambissa a dieci anni dalla morte
V appuntamento ciclo di “I lunedì dello Schmidl”

Lunedì 15 dicembre 2008 - ore 17.00
Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” - Palazzo Gopcevich - Via Rossini, 4 - Trieste



È un Omaggio a Giorgio Cambissa a dieci anni dalla morte l’appuntamento con “I lunedì dello Schmidl”, in programma per lunedì 15 dicembre alle ore 17.00 Sala didattica del Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” al primo piano di Palazzo Gopcevich (Via Rossini, 4).
Introdotto dal Conservatore del Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” Stefano Bianchi, a delineare il profilo di Giorgio Cambissa, con l’ausilio di alcuni ascolti, sarà Massimiliano Donninelli, sassofonista, compositore e direttore d’orchestra.

Nato a Bodio nel Canton Ticino il 17 maggio 1921, Giorgio Cambissa studiò composizione con Vito Levi a Trieste e con Giorgio Federico Ghedini a Milano; direzione d’orchestra con Antonio Guarnieri a Siena e Herbert von Karajan a Salisburgo. Si laureò in lettere a Pavia con una tesi in Storia della musica. Conseguì premi in concorsi di composizione internazionali (Firenze, Bruxelles, ecc.) tra i quali il «Premio musicale città di Trieste» Trieste. Come direttore d’orchestra svolse attività in Italia e all’estero, collaborando con famosi solisti quali il violinista Arthur Grumiaux, i pianisti Wilhelm Backhaus, Walter Gieseking, Alfred Cortot, Gèza Anda e altri. Fu insegnante nei licei pareggiati di Trieste e Genova e nei conservatori di Parma e Milano. Su invito di accademie e istituzioni straniere visitò diverse scuole superiori di musica in Giappone, Corea del Sud, Finlandia e Gran Bretagna. Nel 1962 ebbe l’incarico della direzione del Conservatorio di Bolzano, divenendone titolare nel 1966. Fu direttore dal 1980 del Conservatorio di Roma e direttore artistico del Concorso pianistico internazionale «Ferruccio Busoni» di Bolzano dal 1963. Medaglia d’oro ai benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte e Grande Ufficiale al Merito della Repubblica, pubblicò due importanti testi didattici: Armonia complementare e Elementi di analisi formale. Si spense il 20 giugno 1998.
Una consistente parte della sua eredità artistica è conservata presso il Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” a seguito della donazione di materiali musicali e bibliografici da parte della vedova Sonia Marmolja, mancata nel dicembre del 2005.

Nato Jesi nel 1971, Massimiliano Donninnelli intraprende giovanissimo l’attività concertistica invitato nei festivals delle principali città europee quali Trieste, Monaco, Roma, Venezia, Bordeaux, Londra, Parigi, Milano, Madrid, Zagabria, Rotterdam, Lubiana. Ha tenuto master-class e concerti per Università, Conservatori e Centri di Ricerca e Studio in Canada, USA, Austria, Italia, Spagna, Portogallo, Regno Unito. Conta collaborazioni con Lu Jia, Orchestra Internazionale d’Italia, Valeria Moriconi, Luciano Berio, Alessandro Solbiati. Le sue musiche sono state eseguite in Italia, Germania, Francia, Slovenia, Croazia e trasmesse da Sky e Rete A. Pubblica in Italia, Slovenia e Svizzera. Ha registrato per CBC, Rai, Rai Slo, RNE. Tiene regolarmente corsi Internazionali di Perfezionamento Musicale presso l’Istituto «Guido Alberto Fano» di Spilimbergo e l’Associazione «Domenico Sarro» di Trani. È titolare della cattedra di sassofono presso il Conservatorio «Giuseppe Tartini» di Trieste.

Promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Trieste e realizzata dalla Direzione dei Civici Musei di Storia ed Arte con la collaborazione della Scuola di Musica 55 – Casa della Musica di Trieste, questa nuova edizione dei “Lunedì dello Schmidl” si articola in venti appuntamenti con cadenza settimanale dal 10 novembre 2008 al 27 aprile 2009: conversazioni proiezioni e concerti per presentare nuovi aspetti della storia musicale e teatrale cittadina vista attraverso opere, strumenti e documenti del Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl”.

L’ingresso alla manifestazione è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.