Retecivica del Comune di Trieste
 canale youtube del Comune di Trieste  facebook del Comune di Trieste  twitter del Comune di Trieste indirizzi e contatti  pec  RSS
home  in comune  organi istituzionali  comunicati stampa  urp  centri civici  amministrazione trasparente  come faccio per

I comunicati dell'Ufficio Stampa
del C
OMUNE DI TRIESTE


Trieste, 28/2/2013

IMPORTANTI NOVITA’ DEL SERVIZIO WIFI CITTADINO

APERTURA ALLE RETI DELL’UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ED ESTENSIONE A NUMEROSE ZONE DAL CENTRO ALLE PERIFERIE

PER L’ACCESSO AL WIFI PUBBLICO DEL COMUNE DI TRIESTE SARA’ NECESSARIO PROCEDERE A NUOVA REGISTRAZIONE (anche per gli utenti già registrati in precedenza) PRESSO I PUNTI (hot spot) URBANI IN CUI E’ ATTIVO IL SERVIZIO


Presentata oggi in Municipio, dagli assessori comunali all’Innovazione Emiliano Edera e all’Educazione, Scuola, Università e Ricerca Antonella Grim, con il funzionario del Servizio Innovazione Fabio Romeo e il vicepresidente del Consiglio degli Studenti Riccardo Spina, un’importante novità del servizio WiFi pubblico del Comune di Trieste “TriestefreeSpoTS”, inaugurato dal Sindaco Roberto Cosolini in anteprima a Campo San Giacomo a fine 2012 e ora attivo anche in centro città e nei rioni cittadini, nonchè in alcune biblioteche e sale comunali.
In pratica il Comune di Trieste sarà fra i primi enti locali a rendere usufruibile il servizio wifi gratuito nell’università per studenti e ricercatori oltre ad estendere il servizio il numerose zone della città, dal centro alla periferia, in linea con gli intendimenti di programma della Giunta guidata dal Sindaco Roberto Cosolini.
Già nell’agosto 2011 infatti, il Sindaco Cosolini e l’assessore Antonella Grim avevano ricevuto una rappresentanza del Consiglio degli Studenti del nostro ateneo, nell’ambito delle progettualità da intraprendere per rafforzare il ruolo di Trieste quale città universitaria; tra le richieste dei rappresentanti, una delle più importanti era proprio quella relativa all’implementazione dei servizi wi-fi, al fine di renderli utilizzabili in maniera più semplice e immediata da parte dell’utenza universitaria.
La conseguente fattiva collaborazione tra Area Educazione e la Direzione del Servizio Informativo e Innovazione del Comune, ha permesso di realizzare un servizio aperto alla cittadinanza e capace di rispondere a diverse necessità, sfruttando al meglio la rete di competenze ed eccellenze presenti sul territorio.
“E’ stato implementato a vantaggio degli utenti un servizio che era tra i principali obiettivi del programma del Sindaco – ha sottolineato l’assessore Edera – e che abbiamo intenzione di ampliare ulteriormente grazie alla fattiva collaborazione intrapresa tra gli assessorati all’Innovazione e il personale competente e all’Educazione e dopo aver coinvolto anche le Circoscrizioni che ci hanno segnalato i ‘punti’ nei rioni più adatti a soddisfare le esigenze della popolazione”.
“Realizzare la ‘città digitale’ è uno dei compiti che ci spettano nei prossimi anni per dare la possibilità ai nostri cittadini ma anche ai visitatori di accedere alle nuove tecnologie. Una prospettiva necessaria cui deve adempiere il Comune di Trieste nella più ampia dimensione di cittadinanza europea digitale e che ora si estenderà anche a studenti di Trieste ma anche a quelli provenienti da altre città italiane o straniere, con la semplice operazione di registrazione”.
Grazie agli accordi quindi approvati dalla Giunta Comunale per l’adesione ai network “Idem” ed “Eduroam”- è stato detto - il WiFi cittadino darà la possibilità a queste due importanti reti, utilizzate dal mondo accademico e della ricerca, di sfruttare i ‘punti’ dedicati (hot spot) di TriestefreeSpoTS per consentire l’accesso a internet agli studenti universitari e agli utenti del mondo accademico e scientifico residenti o in visita nella nostra città.
“Il Comune di Trieste metterà perciò a disposizione di questi network della ricerca la propria rete WiFi cittadina – ha spiegato l’ing.Romeo - consentendo ai numerosi ricercatori che svolgono la loro attività presso i prestigiosi istituti di ricerca della città e agli studenti dell’ateneo triestino di accedere ai servizi di TriestefreeSpoTS. L’aspetto importante di questa federazione è che gli utenti dei network accademici potranno accedere al servizio di TriestefreeSpoTS con le credenziali di accesso (username e password) rilasciati dai loro istituti, quindi già in loro possesso presso qualunque hot spot del sistema cittadino senza necessità di registrarsi nuovamente”.
“Un servizio che noi studenti sognavamo sia realizzato –ha evidenziato Spina –e che ora ci consentirà di muoverci e ‘collegarci’ più liberamente, oltre che nell’università anche in numerose zone della città”.
Il nuovo sistema di WiFi cittadino grazie alla progettazione - interamente curata dalla struttura comunale deputata all’Innovazione Tecnologica - che ha seguito i principi degli standard aperti, consentirà di federarsi anche ad altre reti come quella del WiFi regionale, permettendo così agli utenti regionali di utilizzare, senza ulteriori registrazioni, il servizio di connessione pubblico cittadino fin qui realizzato e di tutte le sue future estensioni.
Il servizio di WiFi cittadino consente la connessione a internet per 4 ore al giorno a ciascun utente, con un limite giornaliero di 100MB di traffico. Il nome utente e la password necessari per la navigazione si ottengono direttamente online (in rete) con una semplice procedura di registrazione attraverso telefono cellulare necessaria solo al primo utilizzo.

Si può utilizzare TriestefreeSpoTS in tutte le zone coperte in centro città (zona di piazza Unità, Piazze della Borsa e Hortis) oltre che nelle biblioteche Quarantotti Gambini e Mattioni, l’Emeroteca di piazza Hortis, la sala Bobi Bazlen di palazzo Gopcevich e a breve anche al ricreatorio comunale E.Toti.
A seguito dell’iniziativa di estensione realizzata nel 2012 dall’Amministrazione Comunale nei rioni cittadini il servizio è fruibile (o comunque lo sarà a partire delle prossime settimane) anche nei seguenti siti individuati dall’Assessorato all’Innovazione con la partecipazione delle Circoscrizioni:

1) I CIRCOSCRIZIONE – PROSECCO CENTRO attivo a marzo
2) II CIRCOSCRIZIONE- OPICINA - P.LE MONTE RE DI FRONTE STAZIONE TRAM attivo a marzo
3) III CIRCOSCRIZIONE - GIARDINO PUBBLICO DE TOMMASINI attivo a marzo
4) IV CIRCOSCRIZIONE - PIAZZA OBERDAN E PIAZZA DALMAZIA già attivato
5) IV CIRCOSCRIZIONE – VIALE XX SETTEMBRE . attivo a marzo
6) V CIRCOSCRIZIONE - CAMPO S. GIACOMO già attivato
7) V CIRCOSCRIZIONE – PIAZZA GOLDONI già attivato
8) VI CIRCOSCRIZIONE – PARCO DI VILLA REVOLTELLA già attivato
9) VII CIRCOSCRIZIONE - GIARDINO BORGO S. SERGIO attivo a marzo

Il sistema TriestefreeSpoTS sfrutta inoltre nuove tecnologie per la trasmissione dei dati senza fili per il collegamento degli hot spot più distanti, come quelli previsti ai “Topolini” di Barcola, per offrire il servizio durante la stagione estiva nel popolare sito balneare della riviera triestina e, dove disponibili, le fibre ottiche di proprietà comunale per ridurre i costi di gestione senza dover ricorrere al noleggio di linee onerose dagli operatori.

Appena terminate le installazioni nei rioni cittadini verranno attivati gli hot spot per la copertura indoor in una trentina di bar della città che ne hanno fatto richiesta e presso i quali saranno fruibili gli stessi servizi previsti dal progetto (sono disponibili ancora un certo quantitativo di hot spot da destinare ai bar semplicemente presentando la richiesta di adesione - tutti i dettagli sul sito della rete civica).

Comts-RF/

distanziatore [torna ai comunicati stampa]