Retecivica Comune di Trieste - Il Comune per te
Comunicati dell'Ufficio Stampa del Comune di Trieste

Trieste, 10/11/2012

IL VIOLINISTA GIANNI PAVOVICH RICORDATO AL CIVICO MUSEO TEATRALE “CARLO SCHMIDL” NEL TRENTESIMO ANNIVERSARIO DELLA SCOMPARSA GRAZIE ALLA DONAZIONE DI MARIA TERESA PORTALURI


MARTEDI’ 13 NOVEMBRE, ALLE ORE 11.00, CERIMONIA DI CONSEGNA DEL DONO AL CIVICO MUSEO TEATRALE “CARLO SCHMIDL” DI PALAZZO GOPCEVICH- VIA ROSSINI 4


Martedì 13 novembre, alle ore 11.00, al Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” a Palazzo Gopcevich, in Via Rossini 4, (Trieste) avrà luogo la cerimonia di consegna di alcuni preziosi cimeli del violinista Gianni Pavovich, dono di Maria Teresa Portaluri, nel trentesimo anniversario della scomparsa del Maestro.
Nato a Smirne, in Turchia, l’11 aprile del 1897, allievo a Trieste della Scuola di Arturo Vram fino al 1910, Gianni Pavovich studia successivamente a Budapest con Franz von Vecsey. Arruolato nell’esercito austro-ungarico allo scoppio della Prima Guerra Mondiale, riesce a costituire un piccola orchestra, suonando il suo violino anche sulla linea del fronte. A guerra finita, assume il primo leggìo del celebre Quartetto Triestino e quello di primo violino di spalla nell’Orchestra della Scala sotto la bacchetta di Arturo Toscanini, prendendo parte a 120 concerti tra Italia, Stati Uniti e Canada.
Negli anni successivi alterna l’attività solistica a quella di docente presso il Conservatorio “Tartini”, quale titolare della cattedra di violino dal 1925 al 1967, ed a quella di primo violino di spalla nell’Orchestra del Teatro “Verdi”.
La donazione di Marita Teresa Portaluri, che va ad incrementare il Fondo Pavovich già presente presso il Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” è costituita da due violini (uno dei quali è proprio quello suonato al fronte nella Grande Guerra), una serie di medaglie (tra cui quelle della Repubblica Italiana ai benemeriti dell’Istruzione e della Cultura), fotografie, documenti, pubblicazioni ed edizioni musicali.


RF/

Pavovich


Pavovich


distanziatoreComunicati stampa