Retecivica Comune di Trieste - Il Comune per te
Comunicati dell'Ufficio Stampa del Comune di Trieste

Trieste, 19/6/2018

CON “TRIESTEESTATE” TORNA ANCHE IL “TRIESTELOVESJAZZ”, GIUNTO ALLA SUA 12° EDIZIONE.


OLTRE 25 CONCERTI, TRA IL 1 LUGLIO E IL 12 AGOSTO, NELLE DUE PRESTIGIOSE LOCATION DI PIAZZA VERDI E DEL BASTIONE ROTONDO DEL CASTELLO DI SAN GIUSTO


Torna “TriesteEstate” e con essa anche TriesteLovesJazz, il Festival internazionale che della rassegna delle manifestazioni estive organizzate dal Comune per i triestini che restano in città e per i sempre più numerosi turisti è il “compagno fedele” e irrinunciabile.
Giunto infatti alla sua ormai 12° edizione, organizzato come “di norma” dalla Casa della Musica/Scuola di Musica 55, il TriesteLovesJazz 2018, presentato oggi in Municipio dall'Assessore comunale alla Cultura Giorgio Rossi e dal direttore artistico della manifestazione Gabriele Centis, comprende quest'anno oltre 25 concerti, che si dispiegheranno nell'arco di un mese e mezzo, tra il 1 luglio e il 12 agosto, alternandosi fra due location entrambe prestigiose: la centralissima Piazza Verdi e la suggestiva e amata cornice del Bastione Rotondo del Castello di San Giusto, con l'unica eccezione della straordinaria - quanto ormai tradizionale e ogni anno sempre più “gettonata” - sede del Molo Audace dove andare ad assaporare, alle ore 4.50 di domenica 12 agosto, le note del mitico e finale Concerto all'Alba.

Una rassegna di alto livello artistico che – come ha sottolineato in apertura l'Assessore Rossi - “ben si inquadra nel ricchissimo carnet di 160 spettacoli che sostanziano il cartellone di TriesteEstate 2018, contribuendo fortemente ad accentuarne il carattere internazionale grazie alla significativa partecipazione di jazzisti di primo piano provenienti, oltre che dalle varie regioni italiane, anche da diversi Paesi europei, per non parlare degli immancabili americani. Nello stesso senso – ha ancora rimarcato Rossi – va considerata l'importanza delle collaborazioni che il TriesteLovesJazz è in grado di attuare con istituzioni estere – ad esempio con il Festival di Lubiana – così come con le nostre scuole di musica, come il Conservatorio Tartini; collaborazione questa – ha concluso l'Assessore - che sarebbe senz'altro da potenziare decisamente nell'ottica di riservare un sempre più largo spazio ai giovani e alle loro capacità creative.”

E' toccato quindi al direttore artistico Gabriele Centis illustrare nei dettagli il programma del Festival, “un contenitore giustamente eterogeneo e anzi sempre più aperto alle più diverse espressioni musicali che il "jazz" accoglie in sè. Ma senza dimenticare – ha tenuto a precisare Centis – gli 'storici' e irrinunciabili punti di forza che hanno caratterizzato il TriesteLovesJazz in questi anni, dall'immancabile e amato omaggio al Maestro Lelio Luttazzi, il massimo emblema dello swing della Trieste del'900 (il 23 luglio in piazza Verdi), fino al Premio “Franco Russo” per i giovanissimi talenti del jazz regionale e nazionale”.
Ringraziando i diversi soggetti e istituzioni (dal Comune al Conservatorio “Tartini”, alla RAI che trasmetterà alcuni concerti a livello nazionale) il cui fondamentale supporto consente al Festival di espandersi e inserirsi nei più prestigiosi circuiti europei e internazionali portando ovunque il nome di Trieste, Centis è poi entrato nel pieno dell'ampio programma che vede la partecipazione di oltre 120 i musicisti, dai protagonisti d’oltreoceano della scena del jazz mondiale agli artisti di primo piano europei e italiani, ai numerosi musicisti di Trieste e dell'area del Nordest, inoltre con rilevanti collaborazioni – come già ricordato - con istituzioni musicali estere di Slovenia e Germania.

Un alto profilo e una vocazione internazionale, insomma, che si evidenzieranno fin da subito: dal primo concerto con il versatile e funambolico Mauro Ottolini che quest'anno, il 1 luglio, esplorerà gli ambienti marini con un progetto dedicato alle sonorità delle conchiglie; e poi con il “gruppo multinazionale” di Anna Lauvergnac, una delle voci più intense della scena jazz internazionale (4 luglio), seguita, la stessa sera, dal sassofonista triestino Aldevis Tibaldi che rientra sulla ribalta musicale dopo quattordici anni.
Un omaggio al musical sarà al centro della serata di "Lettere a Giulietta", con Vittorio Matteucci e il Paul Klee 4et (5 luglio).
Sabato 7 luglio Francesco Bearzatti sarà protagonista, con il chitarrista Casagrande, di una versione toccante e intimistica del proprio repertorio; a seguire una recente rivelazione internazionale, la cantante e compositrice Thana Alexa, nuova giovanissima “stella” USA con il suo progetto "Ona".
Lunedì 9 luglio toccherà alla corposa Orchestra di Wolfgang Schmidtke di Berlino con un omaggio a Thelonious Monk nel 100° della nascita, mentre il 10 luglio salgono sul palcoscenico gli Huntertones, eclettico ensemble oggi di stanza a Brooklyn che transiterà da Trieste prima della sua lunga “residenza” a Umbria Jazz.
Attesissimo l'arrivo di Sarah Jane Morris (12 luglio), una delle voci più toccanti e profonde del panorama odierno, con il nuovo progetto "Soul for the Soul", tra jazz, pop-rock e accenti africani. Una piazza gioiosa e danzante sarà poi la piazza Verdi del 14 luglio con Cory Henry (tre volte Grammy con gli Snarky Puppy), strepitoso strumentista Hammond, che porta a Trieste il suo progetto - tra funky, jazz e Blues - dei Funk Apostles. Lunedì 16 luglio un "tris d'assi" con il Neil Angilley Trio che comprende il batterista triestino e ora londinese Davide Giovannini.
Conclusione con il Concerto all'Alba sul Molo Audace il 12 agosto, affidato al pianoforte di Dario Carnovale.


COMTS – FS




PROGRAMMA DETTAGLIATO

domenica 1 luglio 2018, ore 21 - Castello di San Giusto, Bastione Rotondo
MAURO OTTOLINI SEA SHELL
"LA MUSICA CON LE CONCHIGLIE"
Mauro Ottolini: shells, trombone
Antonio Coatti: shells
Vincenzo Vasi: theremin, voice, waste material and musical toys
Giulio Corini: double bass
Maurilio Balzanelli: percussions
Simone Padovani: percussions

La riscoperta dell'universo sonoro regalato dal mare: così il vulcanico polistrumentista Mauro Ottolini, coadiuvato da Balzanelli, propone composizioni originali basate sul suono delle conchiglie dei più diversi mari del mondo, insieme a molti caratteri di percussioni e ad alcuni strumenti tradizionali.

lunedì 2 luglio 2018, ore 21 - Castello di San Giusto, Bastione Rotondo
CATERINA FIORENTINI E GIUSEPPE PIRAS TEMI&VARIAZIONI
Caterina Fiorentini: piano, accordion, voice
Giuseppe Piras: pictures, real time video

Immagini e musica si intrecciano per un inedito ed estemporaneo interplay. Linguaggi diversi in pacata conversazione, quasi una meditazione tra suoni, gesti, parole, sguardi e immagini che danzano attorno ai temi più cari ai due autori.

WYRD QUARTET
Giovanni Maier: bass
Ermes Ghirardini: drums
Sergio Bernetti: trombone
Paolo Bernetti: trumpet

Nessuno strumento armonico per un quartetto che propone composizioni originali in forma di suite e improvvisazioni ispirate a Ornette Coleman, Charles Mingus, alla musica popolare. Un ensemble dal linguaggio personalissimo, che alterna scrittura originale e improvvisazione solistica e collettiva.

martedì 3 luglio 2018, ore 21 - Castello di San Giusto, Bastione Rotondo
TARTINI NOVA ENSEMBLE
Pier Luigi Maestri: flute, piccolo
Piero Milella: oboe
Sergio Lazzeri: bassoon, contrabassoon
Sinead Nava: violin
Andrea Amendola: viola
Pietro Serafin: cello
Dimitri Romano: piano, conductor

Il Tartini Nova Ensemble nasce al Conservatorio triestino, grazie a sette docenti, per creare un ensemble che si dedichi alla divulgazione della musica d'oggi. Ricerca e sperimentazione portano i musicisti a rileggere e valorizzare decenni di storia della musica, da Stockhausen a Keith Jarrett.

ETNOPLOČ
Aleksander Ipavec – fisarmonica
Piero Purich – sax soprano e tenore
Matej Špacapan – tromba

Un trio di grande esperienza, dallo spirito transfrontaliero (dell’area mista italo-slovena fra Trieste, Udine e Lubiana), dedito a una sorta di etno-jazz che unisce le sonorità dei Balcani, il klezmer, il blues, il jazz, il tango e molto altro.

mercoledì 4 luglio 2018, ore 21 - Castello di San Giusto, Bastione Rotondo
ANNA LAUVERGNAC GROUP (IT, DE, GR, UK)
Anna Lauvergnac: voice
Claus Raible: piano
Giorgos Antoniou: bass
Steve Brown: drums

Forte di una straordinaria comunicativa, di un linguaggio particolarmente profondo e di una grande capacità di emozionare, il quartetto è guidato da Anna Lauvergnac, definita una delle una delle voci più intense e affascinanti della scena jazz contemporanea. Dopo varie tournée europee e la nomination per ben tre volte al Premio della Critica Tedesca (che hanno vinto con il penultimo CD), il gruppo torna a suonare a Trieste.

ALDEVIS TIBALDI 4TET
Aldevis Tibaldi: tenor sax
Bruno Cesselli: piano
Guido Zorn: basso
Piero Borri: batteria

Dopo un’assenza di quattordici anni dalla scena musicale, il saxofonista triestino Aldevis Tibaldi torna a calcare i palchi italiani. Trasferitosi a Firenze nel 1990, successivamente a Londra nel 2004, torna a Trieste con alcune composizioni della sua trentennale carriera. Per l’occasione suona con il quartetto del suo primo disco: Bruno Cesselli al pianoforte, Guido Zorn al basso (sostituisce Tavolazzi) e Piero Borri alla batteria.

giovedì 5 luglio, ore 21 - Castello di San Giusto, Bastione Rotondo
VITTORIO MATTEUCCI & PAUL KLEE 4tet
“LETTERE A GIULIETTA”
Vittorio Matteucci: voice
Alessandro Fagiuoli: violin
Stefano Antonello: violin
Andrea Amendola: viola
Luca Paccagnella: cello

"Lettere a Giulietta" è la trasposizione dell'omonimo lavoro di Elvis Costello, registrato negli anni Novanta insieme al Brodski Quartet: un omaggio alla tragedia shakespeariana tra delirio, ironia pop e tenerezza. Matteucci è una star assoluta del musical italiano ed è qui accompagnato dal Paul Klee 4tet, ottimo interprete del repertorio del Novecento. La produzione è di Sergio Cossu per l’etichetta Blue Serge.

venerdì 6 luglio, ore 21 - Castello di San Giusto, Bastione Rotondo
ALAN BEDIN. “T&nCò“
Alan Bedin: voce, elettronica
Marco Ponchiroli: piano
Luigi Sella: sax, clarinetto, flauto barocco

Demetrio Stratos incontra Luigi Tenco: un parallelo iperbolico che restituisce la tecnica del canto armonico di Alan Bedin. In scaletta questo trio ricercato propone brani di Tenco ma anche del repertorio cantautorale classico, del jazz e del contemporaneo, tutto con una ricerca sonora, in particolare vocale estremamente avventurosa.

DRUMLANDO
Francesco De Luisa: piano
Alessandro Turchet: bass
Marco D'Orlando: drums, composition

Una contaminazione di musiche con ampio spazio al jazz e all'improvvisazione, ma anche musica classica e accenti popolari. Drumlando propone un repertorio originale per raccontare a suo modo esperienze vissute.

sabato 7 luglio, ore 21 - Castello di San Giusto, Bastione Rotondo
FRANCESCO BEARZATTI FEDERICO CASAGRANDE
"LOST SONGS"
Federico Casagrande: guitar
Francesco Bearzatti: sax, clarinet

Francesco Bearzatti è un nome tra i più osannati del jazz internazionale: a Trieste, insieme al giovane Casagrande, racconta con composizioni originali alcuni particolari momenti della sua vita: incontri, innamoramenti, abbandoni, fughe, viaggi, fantasie, delusioni, malinconie. Un duo capace di volare alto e lontano come solo i grandi artisti sanno fare.

THANA ALEXA
Thana Alexa: vocals, effects
Carmen Staaf: piano, keyboards
Matt Brewer: electric, acoustic bass
Clarence Penn: drums

Segnalata da Down Beat negli scorsi anni come "Rising Female Vocal" e vincitrice di diversi concorsi internazionali, Thana pubblica nel 2015 il suo primo CD, "Ode to Heroes" un album di composizioni originali e arrangiamenti vocali, che riunisce elementi di jazz, pop e world music.

domenica 8 luglio, piazza Verdi
THE BIG TARTINI BAND
“KENNY WHEELER - SWEET TIME SUITE”
Matteo Novello, Giacomo Vendrame, Niccolò Zampiron, Luca Zanotel, Marta Benes: trumpet
Gianluca Antonini, Riccardo Pitacco, Lorenzo Visintin, Matteo Fabris: trombone
Luka Vrbanec, Leonardo Ottaviani, Marcello Sfetez, Giorgio Giacobbi, Francesco Guidolin, Jurica Prodan, Kristina Frandolic, Tena Bevcar: sax
Camilla Collett: drums
Leonard Medica, Filip Flego: guitar
Zoran Sedlani, Stilian Penev: piano
Klaus Gesing: conductor

Un caposaldo della letteratura moderna per Big Band, registrato per l'etichetta ECM nel 1990, viene ripreso dalla giovane compagine del Conservatorio "Tartini" di Trieste, che lo restituisce nel massimo rispetto della partitura, mantenendo lo smalto della scrittura di Wheeler e la struttura della Suite, insieme lirica e ritmicamente disciplinata.

lunedì 9 luglio, ore 21 - piazza Verdi
WOLFGANG SCHMIDTKE ORCHESTRA
"MONKS MOOD"
Per il centenario della nascita di Thelonious Monk - in collaborazione con JAZZWERKSTATT BERLIN

Ryan Carniaux, John-Dennis Renken, Martin Ohrwalder, Nikolaus Neuser: trumpet
Gerhard Gschlößl, Thorsten Heizmann, Mike Rafalzcyk: trombone
Peter Cazzanelli: bass, trombone
Floros Floridis: alto sax, clarinet
Nicola Fazzini: alto sax, soprano sax
Gerd Dudek: tenor sax
Helga Plankensteiner: baritone sax
Michel Lösch: piano
Igor Spallati: bass
Bernd Oezsevim: drums
Wolfgang Schmidtke: musical director

Il sassofonista Wolfgang Schmidtke ha arrangiato le composizioni geniali di Thelonious "Sphere" Monk per questa vulcanica big band internazionale, ricavandone nuove ed inaspettate prospettive: in occasione del centesimo compleanno di uno dei padri più autorevoli del jazz moderno, l'orchestra gli dedica un programma plasmato sul suo stile, dal titolo "Monk's Mood".

martedì 10 luglio, ore 21 - piazza Verdi
HUNTERTONES
Dan White: saxophones
Jon Lampley: trumpet/sousaphone
Chris Ott: trombone, beatbox
Adam De Ascentis: bass
John Hubbell: drums
Josh Hill: guitar

Inizia a Trieste la tournée degli Huntertones che saranno protagonisti di una lunga residenza artistica a Umbria Jazz. Improvvisazione è la parola d'ordine: tra jazz, funk, soul, hip hop, rock, R&B, gli Huntertones sono una band flessibile (dal trio alla big band) che annovera tra le sue fila musicisti che hanno suonato con, tra gli altri, Jon Batiste, Snarky Puppy, Ed Sheeran, Ricky Martin.

mercoledì 11 luglio, ore 21 - piazza Verdi
PREMIO FRANCO RUSSO
Lovro Mirth - voce
Piercarlo Favro - chitarra
Simone Lanzi - contrabbasso
Mathias Butul - batteria

Appuntamento annuale del Premio “Franco Russo”, indetto dalla moglie Silvia in ricordo del musicista triestino per sostenere alcuni giovanissimi artisti scelti per il loro talento e per l’impegno, che si stanno distinguendo nell’ambito del jazz regionale e nazionale.

THE ENEMA BANDITS PLAY THE MUSIC OF FRANK ZAPPA
Jacopo Tommasini: voice, guitar
Pietro Ieraci: voice, drums
Mattia Fumolo: voice, guitar
Michele Blasina: voice, bass
Andrea Parlante: keys
Tena Bevcar: voice
Marko Jugovic: percussion
Giorgio Giacobbi: sax
Matjaž Kafol: trombone
Daniele Raimondi: trumpet

La band è nata nel 2015 dall’idea di Jacopo Tommasini e Pietro Ieraci, due zappiani incalliti, che hanno riunito sette giovani talentuosi musicisti dai 20 ai 27 anni provenienti da Trieste e dintorni. Il progetto vuole riproporre le canzoni rese celebri da alcuni dei più grandi gruppi capitanati da Frank Zappa.

giovedì 12 luglio, ore 21 - piazza Verdi
SARAH JANE MORRIS
"SOUL FOR THE SOUL"
Sarah-Jane Morris: vocals
Tony Remy: guitar
Tim Cansfield: guitar
Henry Thomas: bass guitar
Martyn Barker: drums

Sarah-Jane Morris è una delle voci più originali ed emozionanti dello scenario contemporaneo: tra ritmi jazz, rock e africani il suo timbro graffiante e insieme raffinato è unico e inconfondibile. Il suo repertorio va dal melodico al soul, e con le sue interpretazioni non finisce mai di stupire.

venerdì 13 luglio, ore 21 - piazza Verdi
MUSICAL ’N’ JAZZ
Daniela Pobega: voice
Stefania Seculin: voice
Marco Ballaben: piano
Alessandro Leonzini: bass
Paolo Muscovi: drums

Daniela Pobega e Stefania Seculin, due notissime performer del musical si cimentano con la musica jazz, grazie a tantissimi standard ormai divenuti evergreen del repertorio più classico: "My Favourite Things", "Summertime", "My funny Valentine", e molte altre immortali songs.

sabato 14 luglio, ore 21 - piazza Verdi
CORY HENRY & THE FUNK APOSTLES
Cory Henry: keyboards, vocals
Nicholas Semard: keyboards
Denise Stoudmire: voice
Tiffany Stevenson: voice
Taron Lokett: drums
Sharay Reed: bass
Adam Agati: guitar
Cory Henry è un organista e tastierista dall'immenso talento, vincitore di tre Grammy con gli Snarky Puppy, e un solista ineguagliabile dell'Hammond. Il nuovo progetto "Cory Henry and the Funk Apostles" è una esplosione incredibile di funk, gospel e jazz. Impegnato anche come producer, ha lavorato con artisti come Aretha Franklin, Rob Glasper, Lalah Hathway, Bruce Springsteen, The Roots solo per citarne alcuni.


domenica 15 luglio, ore 21 - piazza Verdi
GREEN ORCHESTRA
BEATLES TODAY
Alice NereideCossa: voice
Stefano Bellettato, Francesco Ferrarese: violin
Mattia Salin: viola
Elisa Lazzarin: cello
Gilberto Pilon: clarinetto
Fabio Zulato: sax
David Trivellato: sax
Gianluca Manoli: sax
Ludovico Rinco, Giulia Chiesa: trumpet ,flugelhorn
Marco Convertino, Marco Minorello: trombone
Emanuele Ruggiero: guitar
Simone Vason: bass
Andrea Davì: drums
Ettore Martin: sax, conductor, arrangement

Non solo un semplice tributo, ma un viaggio nell'immortale repertorio dei The Beatles rivisitato da una grande orchestra con gli arrangiamenti originali, la direzione del Maestro Ettore Martin e accompagnato da brevi letture.

lunedì 16 luglio, ore 21 - Castello di San Giusto, Bastione Rotondo
NEIL ANGILLEY TRIO
Neil Angilley: piano
Davide Mantovani: bass
Davide Giovannini: drums

Un trio internazionale di musicisti di grande spessore. Neil Angilley – diplomato a Kensington – inizia la sua carriera nel
1985 e da allora suona al fianco di Shirley Bassey, Ben “E” King, Sister Sledge, The Pasadenas, Gypsy King, James Galway. Davide Mantovani, ferrarese naturalizzatolondinese, dà un originale contributo portando nel trio i suoi accenti world e pop. Davide Giovannini, batterista triestino anch’egli trasferitosi a Londra, vanta una brillante carriera in crescita (Steve Winwood, Bjork, Paul McCartney, Lisa Stansfield).

lunedì 23 luglio, ore 21 - piazza Verdi
SERATA LELIO LUTTAZZI
Lorenzo Hengeller: piano
Massimo Moriconi: bass
Gianluca Nanni: drums
Nico Gori: clarinet

Un immancabile omaggio al Maestro Luttazzi, emblema dello swing e icona della Trieste musicale da parte di un quartetto di grande esperienza (Massimo Moriconi è stato per più di vent’anni il bassista di Luttazzi).
"Amare Lelio Luttazzi,” scrive Hangeller “significa per me amare il pianoforte, l'ironia, lo swing come ritmo della vita...sempre in levare!". Un tuffo nella "sana malinconia" del Maestro.

domenica 12 agosto, Molo Audace
CONCERTO ALL’ALBA / SUNRISE CONCERT
Dario Carnovale: piano

Pluripremiato artista siciliano, Carnovale ha una carriera in costante ascesa, con diversi dischi all'attivo e le collaborazioni, tra gli altri, con Paul Jeffrey, Scott Hamilton, Pietro Tonolo, Paolino Dalla Porta, Francesco Bearzatti , Fabrizio Bosso, Flavio Boltro, e tantissimi altri.

Programma completo [pdf]



foto

foto


distanziatoreComunicati stampa