Retecivica Comune di Trieste - Il Comune per te
Comunicati dell'Ufficio Stampa del Comune di Trieste

Trieste, 11/5/2018

“UN ALTRO MODO DI ESSERE GIOVANI”: PRESENTATO IL 'NUOVO PERCORSO' DEL PROGETTO AREA GIOVANI (PAG) - AGENDA 14/35


A UN ANNO E MEZZO DALLA NASCITA, UN PROGRAMMA RICCO DI EVENTI GIORNALIERI FINO A OTTOBRE 2018 E CONSULTABILE SUL SITO: pag.comune.trieste.it


“Sono estremamente soddisfatto della nuova delega 'Giovani' che ha dato risultati al di là delle aspettative, in crescita esponenziale e che è frutto di un buon lavoro costruito sul 'patto di fiducia' tra Comune di Trieste e associazioni del territorio. Tanti gli eventi in programma in cui si è impegnato il PAG: 64 associazioni under 35 accreditate a maggio 2018 – contro le 47 del febbraio 2017 - e 2279 ragazzi 'protagonisti' in concerti, incontri, eventi, percorsi di formazione e informazione, Alternanza Scuola/Lavoro, workshop, spettacoli ecc, al Polo Giovani Toti, e in Porto Vecchio al Magazzino 26 e anche durante l'estate (Trieste Estate Giovani) alla Centrale Idrodinamica e altri siti ancora. Così l'assessore alla Cultura, Sport e Giovani Giorgio Rossi, che ha voluto tracciare un primo bilancio dell'attività del Progetto Area Giovani-Agenda 14-35 realizzato dal Comune, assieme alla responsabile del Servizio Giovani Donatella Rocco e a Susan Petri, rappresentante del PAG accanto alle colleghe Fragiacomo e Bilia.
Parole d'ordine: Impegno, creatività, autonomia, condivisione e benessere, così il Pag ha lanciato un periodo/percorso sperimentale che i dati dimostrano in continua crescita con una modalità nuova, tramite accreditamento, che ha messo in luce la vitalità di un gran numero di associazioni e gruppi informali under 35 cittadini che operano in svariati settori: dalla mobilità internazionale alle attività artistiche e teatrali, dalla cittadinanza attiva alle pratiche sportive e ricreative, dalla divulgazione scientifica alla letteratura e che hanno costituito il calendario di proposte “AGENDA 14/35”, dedicato ai giovani dai 14 ai 35 anni, consultabile sul sito: pag.comune.trieste.it, dove sono visibili anche tutti le realtà accreditate.
Un rapporto costante con i ragazzi e i giovani adulti che rappresenta un'offerta del tutto innovativa riservata ai giovani da parte dell'Amministrazione Comunale – ha evidenziato Donatella Rocco -. Il progetto è partito con la volontà di aver fiducia nelle persone e di facilitare perciò al massimo l'accesso fisico, iniziando così un 'approccio nuovo', in cui i ragazzi possono realizzare eventi e gli adulti sono a disposizione per aiutarli -ha aggiunto -.Dal 2017 sono stati organizzati dal Pag 34 eventi, prossimamente partirà l'edizione 2018 di “Artefatto” quindi “Chromopolis”, che porterà giovani artisti a realizzare opere in città, inoltre al momento stiamo collaborando con 6 istituti”.
“Un esperimento complessivo che segna 'un'apertura totale' nei confronti dei giovani – ha detto Susan Petri -, ma l'aspetto più importante è che sta crescendo in città una rete di scambio e conoscenza tra i giovani che alimenterà nuove iniziative. Un modello che riconosce ai giovani competenze e capacità in un dialogo costruttivo con le istituzioni, ottimizzando le risorse disponibili: luoghi fisici, strumenti, idee e professionalità. Intanto, l'agenda 14/35 resta sempre aggiornata di giorno in giorno: domani, sabato 12 maggio, dalle 15 alle 19, al Polo Giovani Toti di via del Castello 1, è in programma la Festa della Fraternità della comunità San Martino al Campo, mentre nella sede del Magazzino 26 in Porto Vecchio, alle ore 20.00, gli allievi del corso ‘Tecniche di ripresa, montaggio e diffusione in rete di audiovisivi’ - realizzato dall’IRES Istituto di Ricerche Economiche e Sociali del Friuli Venezia Giulia Impresa Sociale, nell’ambito del Programma Operativo Regionale FSE della Regione Friuli Venezia Giulia, progetto PIPOL, cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo - presentano i loro lavori, grazie alla coorganizzazione con il PAG_Progetto Area Giovani del Comune di Trieste e al collettivo Impatto Visivo Trieste.
l protagonisti di questo incontro sono i cortometraggi, visti come il mezzo per guardarsi intorno con il fine di cercarsi dentro, interrogarsi e raggiungere l’anima. Nei primi incontri con il regista Rodolfo Bisatti di Terzo Cinema, i partecipanti al corso, molto diversi tra loro per carattere ed età, hanno espresso la comune idea di voler parlare di Trieste, attraverso creazioni che vanno dal documentario alla fiction, passando per gli spot brevi ma incisivi.
Le storie degli altri di Roberto Lo Verde: nate dalla volontà di esprimere qualcosa di ‘artigianale’ rivelando le esperienze dei futuri video-maker che partecipano al corso; la Memoria della carne di Sonia Pizzurro, Luca Capua e Federico Palumbo: per ricordarsi che la parte migliore della nostra memoria è fuori di noi, nello sguardo interrogativo di un bambino, nei refoli di un vento di mare; Quadrilatero: di Cristiana Sibenik e Giorgio Canto: Rozzol Melara in un viaggio di quarant’anni tra natura umana ed urbana. Un’energia vitale che non si sgretola; 44 minuti di Andrea Cerovac: frammenti di vita ordinaria proiettata sui vetri appannati di un autobus, che scivola da San Giovanni al Timavo nell’altopiano carsico verso il cuore della città adriatica; Writers on the storm di Giulia Livia con la collaborazione di Giulio Ciolli: l’intervista che dà voce a chi non ne ha. Due artisti le cui vite corrono parallele lungo i binari ai confini della legalità. Spray, pennarelli e pennelli per interpretare le proprie emozioni nei graffiti e nella pittura. Cafè di Massimiliano Maisano: la celebrazione di una icona internazionale, capace di evocare con il suo profumo l’atmosfera aromatica del tempo che fu. Entropy di Walter Dobrila: l’emozione profonda che nasce dalla vulnerabilità, si esprime nell’artista triestino attraverso la ricerca delle più sottili vibrazioni poetiche poste nel cuore della sua musica.
I docenti del corso: Rodolfo Bisatti, regista; Maurizio Pasetti, per la sceneggiatura; Giovanni Ziberna, per le riprese; Valeria Fabris, per il montaggio; Stefano Ogrisek, per la diffusione in rete; Laura Pellicciari, per i processi di produzione. Con la collaborazione di Mario Gimona, Nicoletta Romeo, Federico Borsellino, Massimiliano Morelli, Franco Coretti, Pablo Apiolazza Santiago, Giorgia Bottega, Fulvia Riccardi.

Comts/RF


foto

foto


distanziatoreComunicati stampa