Retecivica Comune di Trieste - Il Comune per te
Comunicati dell'Ufficio Stampa del Comune di Trieste

Trieste, 17/1/2018

BIENNALE INTERNAZIONALE DONNA


GLI APPUNTAMENTI IN PROGRAMMA AL MAGAZZINO 26 DEL PORTO VECCHIO NELL'ULTIMO WEEK END D'APERTURA


Ultimi giorni per visitare al magazzino 26 del Porto vecchio la Biennale Internazionale Donna, esposizione realizzata dall'Associazione culturale Porto Arte, sorta nel 2003 per promuovere il recupero della zona portuale dismessa, in coorganizzazione con il Comune di Trieste-Assessorato alla Cultura, con il supporto di Italia Nostra, il contributo dell'Ufficio della Consigliera di Parità di Trieste e della Fondazione CRTrieste.
La Biennale Internazionale Donna sarà aperta fino al 21 gennaio ( venerdì 19 dalle 10 alle 13, sabato 20 dalle 12 alle 19, domenica 21 dalle 12 alle 19). Il biglietto d'ingresso e di 3 euro. La sede della mostra può essere raggiunta, oltre che con mezzi propri, anche con la linea 6, accedendo dal varco su viale Miramare all'altezza del ponte di ferro/sottostazione elettrica.
Diversi gli appuntamenti in programma questo fine settimana.
Venerdì 19: visite guidate/gruppi (10.00/1300).
Sabato 20: ore 12.00: Una Vita – incontro con Etta Carignani. Ore15.00-17.00 conversazione sulla fotografia femminile contemporanea - Visione e commento di immagini di fotografe contemporanee, presentazione dei progetti e delle opere esposte in mostra dell’ ASSOCIAZIONE FOTOGRAFAREDONNA a cura di Marisa Ulcigrai e Gianna Uxa. Durante l’incontro verrà illustrato il percorso realizzato negli otto anni dalla sua fondazione, e in particolare le opere di Erica Costantini, Marinella Perosa, Nadia Sirca, Marisa Ulcigrai esposte alla biennale internazionale. Emozioni in moto di Marisa Ulcigrai dove le immagini ci portano a bordo di una moto in corsa in una dimensione altra, indefinita, astratta. Altre immagini fotografiche tratte dalla mostra Spazi ritrovati, momento finale del progetto sulla Toponomastica Femminile a Trieste e Provincia “Fuori dove la parità non esiste” che si è protratto per un anno e che ha coinvolto quindici fotografe che hanno ripercorso quelle vie, quei giardini, quelle androne, quelle calli dedicate a figure femminili per coglierne l’essenza, per ricostruire storie, per proporre itinerari fotografici diversi e personali ma soprattutto con l’impegno di restituire sguardi e rappresentazioni che raccontino e testimonino di una presenza femminile anche nel presente. Ore 17.00 presentazione artistica con danze e performance del volume "Un girasole diverso", coordinazione e cura di Daniela Zamataro e Luisa Cividin, con le componenti del gruppo danza metodo  Maria Fux. Presentazione artistica con danze e performance del volume "Un girasole diverso", coordinazione e cura di Daniela Zamataro e Luisa Cividin, con le componenti del gruppo danza metodo  Maria Fux.. Il volume raccoglie storie di donne da non dimenticare, donne reali che sono state importanti nella vita delle persone, ad esempio la pediatra triestina Marina Spaccini.
Domenica 21:ore 12.00 incontro con Paola Rodari e Cristina Pedicchio che illustreranno il loro percorso professionale, e la loro collaborazione all’ESOF 2020 per le opportunità che può fornire alla città. Ore 15.00 tavola rotonda con le Artiste della Biennale Internazionale Donna. Un confronto attivo di percorsi di vita tra donne che hanno scelto l’arte come paradigma quotidiano e che hanno offertole loro opere a questa manifestazione per darsi un nuovo appuntamento nella seconda biennale nel 2019 e per continuare a collaborare concretamente. Ore 17.00: rappresentazioni dei ragazzi del Collegio mondo Unito per aprirci ai giovani e al futuro insieme a tutti i paesi del mondo.
COMTS


distanziatoreComunicati stampa