Retecivica Comune di Trieste - Il Comune per te
Comunicati dell'Ufficio Stampa del Comune di Trieste

Trieste, 19/12/2017

L'AMPIA ATTIVITÀ DELLA POLIZIA LOCALE DI TRIESTE NEL CORSO DEL 2017 ILLUSTRATA DAL VICESINDACO E ASSESSORE ALLA POLIZIA E SICUREZZA PIERPAOLO ROBERTI ASSIEME AL COMANDANTE DEL CORPO SERGIO ABBATE


-


Interessante e particolarmente ricco di dati e di spunti, offrendo un quadro davvero ampio delle molteplici azioni svolte dal Corpo: così si è presentato oggi il Consuntivo sull'attività della Polizia Locale di Trieste nel 2017, illustrato nel corso di una conferenza stampa in Municipio dal Vicesindaco e Assessore alla Polizia e Sicurezza Pierpaolo Roberti, affiancato dal Comandante della PL Sergio Abbate e dal Commissario aggiunto Roberto Calligaris responsabile del Nucleo Motorizzato; Nucleo, tra l'altro, messo in primo piano e particolarmente “omaggiato” nell'incontro odierno, anche con la presenza di un suo nutrito gruppo, perfettamente schierato per l'occasione nella Sala della Giunta con le tenute da motociclista.
Il Vicesindaco Roberti ha introdotto il suo rapporto sottolineando la crescente importanza della comunicazione rivolta ai cittadini di tutte le età, “su cui puntiamo molto”, ha detto, riferendosi in particolare alla presenza del Corpo sui nuovi “social media” e indicando le molteplici iniziative svolte proprio in questa direzione nel corso del 2017 e già dal 2016, quali la pagina Facebook “Agente Gianna”, due edizioni di #6bullo6zero contro il bullismo e l'apertura di un apposito canale YouTube #BeffalaTruffa per il contrasto alle truffe informatiche, e su come conoscerle e come evitarle. Sullo stesso “campo” d'azione Roberti ha anche citato la recente, importante, nuova campagna “Spezza la catena”, contro l'accattonaggio e le elemosine, attuata in questo caso avvalendosi anche dei tradizionali manifesti murali, per sensibilizzare tutti su quali possono essere, in molti casi, i retroscena e le connessioni di queste attività illecite.
Per le varie “campagne” e attività svolte, il Vicesindaco ha tenuto a ricordare i diversi significativi premi nazionali ottenuti nel 2017: tra questi, il Premio ANCI Sicurezza Urbana, per una riuscita rilevante operazione compiuta dal Nucleo di Polizia Edilizia e il premio speciale dell'Associazione Vittime della Strada per le iniziative per la sicurezza stradale compiute dalla nostra PL, in un quadro in cui vi concorrevano non solo le diverse PL ma tutte le Forze dell'Ordine dell'intero Paese.
Un significativo punto è stato poi quello dell'introduzione del Vigile di Quartiere, avviato per ora a livello sperimentale ma che ha già riscontrato pareri più che positivi, ad esempio di commercianti ed esercenti di varie zone, puntualmente raccolti tramite un sondaggio “ad hoc”, “per cui – ha detto Roberti – essendo evidente l'importanza di una maggior conoscenza del territorio attraverso i percorsi a piedi e gli incontri con la gente di ogni rione da parte degli agenti, abbiamo stabilito che tale servizio potrà diventare “strutturale” non appena esperiti i nuovi concorsi che porteranno nuova linfa al Corpo.”
A proposito dei quali il Vicesindaco ha ricordato come il concorso in atto, messo in piedi tra l'altro dopo molti anni di assenza di assunzioni, consentirà alla PL di disporre già quest'anno di 8 operatori in più, cui si aggiungeranno ulteriori 10 nel 2018 e altrettanti nel 2019, restando inoltre la graduatoria aperta per tre anni.
Assolutamente rilevante poi l'introduzione nel 2017 di due nuovi Regolamenti interessanti l'attività del Corpo: il ben noto e ampiamente discusso Regolamento di Polizia Urbana (entrato in vigore in aprile) e il Regolamento per le telecamere di sorveglianza, la cui operatività è evidentemente fondamentale, al servizio non solo della PL ma di tutte le Forse dell'Ordine della città.
Sempre il Vicesindaco, snocciolando quindi un'ampia serie di dati riguardanti le sanzioni elevate e il loro raffronto con il 2016 (vedi Tabella allegata), e osservando come quasi tutte le voci siano purtroppo in aumento (clamoroso il più che raddoppio di quelle per eccesso di velocità, ma anche il consistente incremento di quelle per mancata revisione periodica del veicolo), ha sottolineato come le cause principali degli incidenti siano riscontrabili nell'eccesso di velocità, appunto, nelle distrazioni durante la guida (ad esempio per l'uso di cellulari e smartphone) e nelle mancate precedenze.
Per il contrasto alla prima di queste cause – così ancora Roberti – “abbiamo non casualmente rafforzato la presenza degli autovelox, e non tanto a scopo sanzionatorio quanto preventivo e dissuasivo di comportamenti pericolosi, come è ampiamente dimostrato dalla pubblicizzazione della loro presenza che va a “coprire” proprio i punti più a rischio della viabilità cittadina”.
Importanti anche – ha concluso il Vicesindaco – anche le molteplici azioni per il ripristino e la tutela del “decoro urbano” (mediante le sanzioni comminate con il nuovo Regolamento di Polizia Urbana, anch'esse in forte aumento grazie all'introduzione del nuovo strumento normativo), le numerose campagne di educazione stradale nelle scuole (fin dalle materne, e con ore raddoppiate rispetto al 2016!), l'attività del Nucleo di Polizia Giudiziaria (con una ventina di arresti, principalmente di piccoli spacciatori di droghe) e quella della Polizia Commerciale.
“In un quadro – ha detto – di organici ancora carenti, ma che andremo adesso a rimpinguare, e quindi di grande spirito di sacrificio e professionalità di tutti gli operatori in servizio, anche a fronte del forte aumento dell'attività”.

Anche il Comandante Abbate ha fortemente lodato l'attività del Nucleo Motorizzato, “il primo che interviene quando scatta un qualsiasi incidente, di qualunque portata, e ce ne sono purtroppo moltissimi e in costante aumento” (1851 nel 2017), pure lui ancora stigmatizzando la gravità dell'uso del cellulare, o ancor peggio dello smartphone, durante la guida, “pericolosissima fonte di distrazione e quindi di incidenti”. Invitando infine in particolare i pedoni e i motociclisti a fare attenzione nei loro comportamenti, anche quando formalmente corretti, “poichè sono proprio essi, i pedoni e i viaggiatori su due ruote, le principali vittime di incidenti, specialmente di quelli mortali”.

Conclusione del “Vice” Roberti che ha dato appuntamento a tutti al “consuntivo” di fine 2018, “confidando – ha detto – di esser riusciti per allora ad approvare alcune importanti modifiche “di aggiustamento” al vigente Regolamento di Polizia Urbana ma soprattutto a portare in porto un nuovo Regolamento: quello per l'armamento della Polizia Locale”.

COMTS – FS

Dati a confronto tra il 2016 e il 2017 [.pdf]


distanziatoreComunicati stampa