Retecivica Comune di Trieste - Il Comune per te
Comunicati dell'Ufficio Stampa del Comune di Trieste

Trieste, 18/10/2017

180 GRAMMI TRIESTE


PRESENTATO IN MUNICIPIO L'EVENTO DI VENERDI' 20 OTTOBRE CHE ANIMERA' IL MERCATO COPERTO DI VIA CARDUCCI, DALLE 9 ALLE 13


L'assessore comunale al Commercio ed eventi correlati Lorenzo Giorgi ha presentato in Municipio l'iniziativa “180 GR AMMI Trieste” - coorganizzata da Comune e da gruppo Loud della Esibirsi Società Cooperativa - che avrà luogo al Mercato Coperto di via Carducci. Presenti anche il responsabile organizzativo del Mercato Coperto, Enrico Zuin e gli organizzatori di Loud, Gabriele Cecchetti e Gianluca Bonfini.
“180 grammi è un evento importantissimo che ha lo scopo di contribuire a rivitalizzare il nostro Mercato Coperto ancora poco frequentato ma punto di riferimento strategico e rinnovato nel cuore della città con l'offerta di prodotti di qualità grazie ai venditori e agli artigiani che vi operano. Un contenitore vivo e animato anche mediante la realizzazione di attrattive di interesse e di richiamo ricreativo-culturali come eventi musicali originali di tale livello. Trieste, grazie ai ragazzi di Loud, diventa così una tappa del tour musicale di noti DJ, dopo aver già conquistato i mercati rionali di città del Sud, del Centro (Salerno, Avellino, Palermo, Roma, Bari, Taranto) e del Nord Italia (Firenze, Verona e il mercato di Rialto a Venezia)”.
“Nato nell’Ottobre 2015, 180 grammi - ha spiegato Cecchetti - è un progetto ideato dal DJ salernitano Enzo Iannece, in arte N-Zino con un intento ben specifico: 'raccontare i mercati, con le loro tipicità, i loro dialetti, i suoni e le tradizioni'. Il nome del progetto è 180grammi, come il peso specifico di un disco in vinile. Due piatti e un mixer quindi (rigorosamente Technics SL1200 e Rotary) allineati però a un contesto del tutto particolare, quello dei mercati rionali. Un format sperimentato già qualche anno fa durante gli eventi off del Sonar di Barcellona, rimodellato però in questo caso con una linfa e una tipicità del tutto nuova. La cultura del vinile e la vita del mercato in realtà hanno molto in comune: in entrambi troviamo una 'comunità', un gruppo di persone che condividono qualcosa. Questa scelta si è rivelata vincente perché ci ha permesso di promuovere la nostra musica fuori dal contesto della notte e delle discoteche”. “Sul sito di '180 grammi' si possono anche visionare i filmati girati nei vari mercati italiani con interviste fatte ai venditori e agli acquirenti, in un mix di musica e impressioni dal vivo che rendono l'idea della tipologia di animazione creata da questi eventi in luoghi frequentati dai cittadini – ha aggiunto Cecchetti -.
Tra gli ospiti transitati in questo progetto diversi nomi storici della club-culture italiana, come DJ Rocca, Daniele Baldelli, Fabrizio, Mammarella, Francisco e Fabio Della Torre, Claudio Coccoluto, Spiller ma anche nuovi progetti in ascesa, da Okee Ru a Nu Guinea e tanti DJ locali. La notorietà, soprattutto a livello social e di reputazione digitale ha portato i ragazzi di 180 gr anche al Feriköy organic market di Istanbul e poi a Marsiglia.
Il programma della tappa triestina di 180 grammi prevede: MARKET VIDEO SESSION, dalle 9.00 alle 13.00, con: Andrea Gemolotto, DJ e produttore friulano, è considerato uno dei pionieri della scena Italo House; Fabrice: ovvero Fabrizio Lazzari, triestino classe ’64. Assieme a Gemolotto e Leo Mas con “La Magica Triade”; un pezzo di storia della club culture italiana; Marieu, padovano ma berlinese d’adozione. Assieme al socio Lucretio (già ospite di Loud) forma il duo The Analogue Cops, le cui produzioni sono apprezzatissime dalla scena internazionale; Gianluca Bonfini, dj, collezionista e produttore, promotore delle attività di Loud fin dalle origini del progetto Club Session: nella stessa giornata di venerdì 20, ospitati dal Dhome, aftershow.
L'organizzazione di Loud è costituita al 100% da volontari e appassionati di musica. Nato nel 2011, da un gruppo di studenti universitari, Loud ha sviluppato prevalentemente party dedicati ad un pubblico universitario, ed è cresciuto negli anni coinvolgendo un pubblico ampio con proposte musicali indirizzate all’elettronica underground, ispirato ai grandi movimenti internazionali del genere: le scuole americane (Detroit, Chicago) ed europee (Berlino, Londra).
“Un evento del genere può dare un contributo importante e significativo alla città in cui viviamo – ha detto Bonfini - portando alcuni generi musicali da sempre considerati appannaggio delle discoteche e della vita notturna. Un messaggio semplice ma potente per far interagire, con il linguaggio universale della musica, spazi e generazioni a torto considerate lontane e antitetiche”.
“Stiamo lavorando con impegno per rivitalizzare il Mercato Coperto e la sua 'veste' rinnovata al suo interno e ci prefiggiamo di proseguire con l'obiettivo di organizzare sempre più occasioni per mettere a proprio agio venditori e acquirenti ben consapevoli dell'importanza di un luogo che fa parte della storia di Trieste – ha affermato Zuin -.


Comts/RF




distanziatoreComunicati stampa