Retecivica Comune di Trieste - Il Comune per te
Comunicati dell'Ufficio Stampa del Comune di Trieste

Trieste, 14/8/2017

RIAPERTO AL PUBBLICO IL GIARDINO DI PIAZZA HORTIS.


IL SINDACO DIPIAZZA CON IL VICE ROBERTI E L'ASSESSORE LODI HANNO PRESENTATO L'INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE PORTATO A TERMINE DAL COMUNE DI TRIESTE CON UN INVESTIMENTO DI 164 MILA EURO


Con circa un mese d'anticipo su sui tempi previsti è stato inaugurato e riaperto oggi (lunedì 14 agosto) al pubblico il riqualificato e valorizzato giardino di piazza Hortis a Trieste.
Nell'ambito dei progetti Pisus, su progetto redatto dai tecnici comunali del Servizio Spazi Aperti, Verde Pubblico e Strade del Comune di Trieste, con affidamento dei lavori all'impresa SARTORI e un investimento di quasi 164 mila euro, l'intervento -hanno spiegato il sindaco Roberto Dipiazza con il vicesindaco Pierpaolo Roberti e l'assessore ai Lavori pubblici Elisa Lodi- ha permesso di recuperare e riqualificare un'area di circa 2.100 mq che risultava piuttosto degradata, con l'obiettivo di migliorare la vivibilità e favorire le potenzialità del giardino di piazza Hortis, in prossimità della Biblioteca Civica, tra palazzi circostanti di pregio e la zona di piazza Cavana. “E' il terzo intervento di recupero per questa piazza -ha ricordato il sindaco Roberto Dipiazza- cerchiamo di finirla con il degrado, perché abbiamo investito fondi pubblici e dobbiamo cercare di tenere in ordine quello che è un bene prezioso. Questa piazzetta è una meraviglia, impegniamoci tutti a mantenerla così”.
Il dettagli dell'intervento sono stati illustrati dall'assessore Elisa Lodi che ha ricordato che “i lavori hanno visto la posa di nuova pavimentazione in materiale naturale “stabilizzato” dei vialetti interni al giardino, la realizzazione di un impianto di smaltimento delle acque meteoriche, l’ampliamento delle superfici fruibili con lieve variazione della morfologia delle aiole preesistenti, il rifacimento dell’impianto di irrigazione, la messa a dimora di nuove piante, l'installazione di una fontanella per l'acqua potabile”.
E’ stata effettuata anche la riqualificazione e l’allargamento della zona riservata alle attività ludiche per i più piccoli (con sostituzione della gomma antitrauma deteriorata). Donati al Comune dalla Fondazione CRTrieste sono stati collocati sul posto anche dei giochi di tipo “inclusivo”, che possono essere utilizzati anche da bambini e ragazzi con disabilità. Particolare attenzione quindi anche nell’eliminare tutte le barriere architettoniche e favorire l'utilizzo del giardino da parte dei disabili. Proprio la nuova pavimentazione “rigida” dei vialetti consente ora la migliore fruizione anche con sedie a rotelle e passeggini, mentre prima (con il ghiaino) risultava ben più difficoltosa.
Realizzata ancora una zona destinata alla lettura, alla musica per i bambini e per piccole rappresentazioni teatrali, adeguatamente evidenziata e pavimentata con moduli lineari precompressi, Installate inoltre numerose panchine di particolare pregio, dotate di sedute e schienali in legno.
Prevista anche un'adeguata illuminazione. Per riaprire l'area in sicurezza il prima possibile, l'AcegasApsAmga ha già installato dei lampioni provvisori, ma ben presto saranno sistemati anche i nuovi corpi illuminanti, dotati di tecnologia led a luce calda. Da segnalare infine che l'Amministrazione comunale sta lavorando per inserire in uno dei prossimi progetti anche la recinzione del giardino, una soluzione per cercare di mantenerlo più controllato e in ordine.
Piazza Hortis, antico sito cimiteriale dell’epoca paleocristiana, si trova nel centro storico di Trieste, nel Borgo Giuseppino al limite della cosiddetta Cittavecchia.
La piazza venne creata a seguito della demolizione di una parte del convento dei padri minoriti annesso alla chiesa di Sant'Antonio Vecchio (oggi Beata Vergine del Soccorso). L'amministrazione francese intitolò la nuova piazza alla vittoria di Lutzen, mentre il governo austriaco la ribattezzò piazza Lipsia per celebrare la sconfitta napoleonica. Nel giardino, che occupa la quasi totalità della piazza, sono presenti alberi d’alto fusto di pregio provenienti anche da paesi esotici. Al centro c'è la statua di Attilio Hortis, uomo politico cittadino, opera dello scultore G. Mayer. Piazza Hortis è il fulcro di un asse pedonale che collega Piazza Unità e diverse istituzioni culturali, come la Biblioteca Civica e la Galleria d'Arte Contemporanea del Museo Revoltella.
Oltre al sindaco Dipiazza, al vice Roberti e all'assessore Lodi, alla riapertura odierna, salutata da un brindisi offerto da “I Fiori”, sono intervenuti anche tecnici e funzionari del Comune, con il direttore Enrico Cortese, il funzionario Carmelo Nino Trovato e il perito Massimo Leotta, nonché i consiglieri comunali Bruno Marini, Piero Camber e Fabio Tuiach, il preside del Nautico Bruno Zvech e numerosi abitanti della zona.
COMTS-GC







distanziatoreComunicati stampa