Retecivica Comune di Trieste - Il Comune per te
Comunicati dell'Ufficio Stampa del Comune di Trieste

Trieste, 15/6/2017

BREVIARIO MEDITERRANEO OMAGGIO A PREDAG MATVEJEVIC


IN SCENA DOMENICA 18 GIUGNO, SULLA TERRAZZA DEL BASTIONE ROTONDO DEL CASTELLO DI SAN GIUSTO



Domenica 18 giugno alle ore 21.00, sulla panoramica terrazza del Bastione Rotondo nel Castello di San Giusto a Trieste, si terrà lo spettacolo-evento Breviario Mediterraneo. Omaggio a Predrag Matvejević, nell’ambito del progetto multidisciplinare Varcare la frontiera #4 - Flussi di marea, a cura di Mila Lazić e Massimiliano Schiozzi, promosso e realizzato da Cizerouno Associazione Culturale e sostenuto dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.
L’evento fa parte di Trieste Estate 2017, il calendario delle manifestazioni estive promosse, realizzate e sostenute dal Comune di Trieste.
Con questa speciale serata Cizerouno/Varcare dedica il suo secondo omaggio allo scrittore cosmopolita Predrag Matvejević, grande conoscitore delle civiltà del Mediterraneo recentemente scomparso. Il 22 aprile scorso al Giardino San Michele di Trieste si è tenuto, infatti, un incontro sul tema del pane nelle diverse culture, con letture di alcuni significativi passi tratti dal saggio Pane nostro.
È ora la volta dell’omaggio alla sua opera più celebre, Breviario Mediterraneo, definito da Claudio Magris nella sua introduzione «un libro epico e pieno di pietas per ognuno degli innumerevoli destini che il mare custodisce e seppellisce, come un immenso archivio o come un altrettanto immenso dizionario etimologico», un «libro geniale, imprevedibile e fulmineo».
Breviario Mediterraneo, uscito nel 1987 e tradotto in oltre venti lingue, è stato pubblicato in Italia già l’anno successivo: è un memorabile viaggio alla scoperta del Mediterraneo, che non è solo geografia né solo storia, perché su di esso, come ci dice Matvejević, è stata concepita l’Europa.
Lo spettacolo, per la regia e drammaturgia di Mila Lazić, è composto da tre segmenti, che corrispondono ai tre capitoli del libro, Breviario, Carte e Glossario: la lettura e la musica dal vivo alludono a Breviario, il video mapping a Carte e Polifonia mediterranea a Glossario.
Sul palco, l’attore Filippo Borghi legge in italiano alcuni passi tratti dal libro, accompagnato dal suono brillante del santur, antico strumento iraniano a percussione, del musicista Fuad Ahmadvand.
L’insolita scenografia è affidata alla creatività dell’artista multimediale Cecilia Donaggio Luzzatto-Fegiz che propone sulla torretta della “Casa del Capitano”, svettante sul Bastione, il video mapping Onde.
Se l'onda indica una perturbazione che nasce da una sorgente e si propaga nel tempo e nello spazio, trasportando energia o quantità di moto, con il suo video mapping Cecilia Donaggio Luzzatto-Fegiz ci restituisce visivamente tutte le vibrazioni della viva voce del Mar Mediterraneo. Un articolato intervento site specific che, oltre a cavalcare uno dei temi della sua ricerca visiva degli ultimi anni (il mare inteso come origine del tutto, che dà la vita e la morte), integra le voci dei popoli che si affacciano sul Mediterraneo con onde verticali altissime, evocando, in un raffinato gioco grafico, il fragore delle onde del suono ma anche lo sforbiciare delle vette dei monti che s'infrangono in cielo.
Polifonia Mediterranea è uno studio per più voci, registrato, mixato e masterizzato dall’ingegnere del suono Fulvio Zafret e prodotto da Mila Lazić. Si tratta di un’installazione acustica composta dalle armoniosità, musicalità e timbri di diverse voci in diverse lingue. Come le onde del mare, ora calmo ora agitato, le voci/lingue si mescolano, si fondono, si avvicinano, si allontanano, si perseguitano: greco e turco, arabo ed ebraico, tedesco e francese, croato e sloveno, giapponese e inglese, spagnolo e albanese diventano un'unica melodia marina, che rispecchia la storia, spesso burrascosa, del Mediterraneo, ma anche i (rari) momenti di armonia. Il Mediterraneo è unico e appartiene a tutti i popoli.
Tra tanti partecipanti/lettori che hanno generosamente prestato le loro voci, c’è un altro scrittore, il tedesco Veit Heinichen, il quale, come Matvejević, è profondamente legato al Mediterraneo, all’Adria e a Trieste.
La sede del Bastione Rotondo, una delle più affascinanti terrazze sulla città e sul Golfo di Trieste, all’estremo nord dell’Adriatico e del Mediterraneo, è il palcoscenico ideale per uno spettacolo che è un omaggio al grande scrittore croato e al contempo alla storia, alla cultura, alla civiltà e alla convivenza fra i popoli.
Ospite speciale della serata sarà Mirjana Matvejević, moglie dello scrittore.
Lo spettacolo è a ingresso libero.
Regia e drammaturgia: Mila Lazić; Video mapping: Cecilia Donaggio Luzzatto-Fegiz; Lettura in italiano: Filippo Borghi; Musica dal vivo: Fuad Ahmadvand, santur; Installazione acustica Polifonia Mediterranea, uno studio per più voci; Lettori: Nina Alexopoulou (greco), Gjorgji Bufli (albanese), Ruggero Calich (turco), Tiago Cotogni (portoghese), Veit Heinichen (tedesco), Yaniv Fingale (ebraico), Nika Furlani (sloveno), Mitsugu Harada (giapponese), Pascale Juneot (francese), Mila Lazić (croato-originale), Hasnaa Naggay (arabo), Angela Walker (inglese); Registrato, mixato e masterizzato presso “Urban Recording Studio”, Casa della Musica Trieste; Ingegnere del suono: Fulvio Zafret; Produzione: Mila Lazić; coordinamento organizzativo: Anna Krekic; Ricerca filologica: Anna Tauzzi; Consulenza visual: Massimo Premuda
info CIZEROUNO associazione culturale; info@cizerouno.it – www.cizerouno.it; www.facebook.com/cizerouno - @cizerouno

Comts


distanziatoreComunicati stampa