vai alla homepage
PRIMO WORKSHOP DI CERESDONNE


Mercoledì 5 dicembre si è svolto in una delle sale di lettura della Biblioteca Statale di Largo Papa Giovanni XXIII a Trieste, il primo workshop del Centro Studi sulla storia e la cultura delle donne del Friuli venezia Giulia alla presenza delle componenti del Comitato direttivo, dei Comitati Scientifici di progetto, dei gruppi di lavoro e di alcune rappresentanti delle Commissioni di Pari Opportunità degli enti locali del FVG e della Direzione della Biblioteca.
La Coordinatrice del Centro Studi, Lucia Starace, ha illustrato i contenuti del sito che informa sulle attività e le iniziative di Ceresdonne.
La direttrice della Biblioteca del Centro di documentazione delle Donne dell'Associazione Orlando di Bologna, Annamaria Tavaglini, ha illustrato le caratteristiche dei più importanti tra i 300 centri sorti per iniziativa delle donne in Europa, USA, America Latina, Africa e Asia.
I più importanti centri di documentazione italiani sono associati alla rete Lilith.
Attualmente i centri associati, tra i quali Ceresdonne FVG, sono 32. Ciascuno mette a disposizione il proprio potrimonio archivistico rappresentato da complessivi 40.000 record (schede elettroniche di catalogazione di pubblicazioni e riviste) e da un vasto patrimonio bibliografico cartaceo di norma, ma non esclusivamente prodotto da donna sulle tematiche della questione femminile (donne e sviluppo sostenibile, tempi e spazi di vita, sessualità, salute, contraccezione, violenza e abusi sessuali, immigrazione ed interculturalità, tecnologie e telematica, religioni, linguaggio sessuato).
Altri 25 centri ed enti diversi sono associati per la consultazione degli archivi informatici Lilith.
Alla luce dell'esperienza del Centro di Bologna, uno dei più consolidati ed efficacemente inseriti nel network di comunicazione internazionale delle donne, con un budget che nel 2000 ha sfiorato i 4 miliardi di lire, le partecipanti al workshop hanno discusso i possibili percorsi di sviluppo comuni a quelli degli altri centri e specifici, quali ad esempio quello dell'interculturalità.
Il primo progetto di ricostruzione storica del Centro studi, denominato "Cerere70" riguarda il censimento e la catalogazione della documentazione sul neofemminismo degli anni 70 in Regione.
La dott. Tavaglini ha espresso profonda soddisfazione per la costituzione di questo nuovo Centro Studi, che va a colmare un'importante carenza del network nazionale, essendo il FVG una delle ultime regioni che fa il suo ingresso nella rete dei centri di documentazione delle donne italiani.


chiudi